Centro Pagina - cronaca e attualità

Lifestyle

Rapisarda conquista il “San Pellegrino young chef”

Il giovane fidardense Alessandro Rapisarda ha vinto la finale italiana di “San Pellegrino young chef”, il progetto di scouting internazionale under 30

Lo chef Alessandro Rapisarda

CASTELFIDARDOIl suo risotto alla marinara ha conquistato i palati della temibile giuria e gli ha fatto vincere il primo premio italiano. Il giovane Alessandro Rapisarda si è conquistato la finale italiana di “San Pellegrino young chef”, il progetto di scouting internazionale under 30. A giudicarlo Cristina Bowerman e Mauro Uliassi, che si è sbilanciato al punto tale da valutarlo “un bellissimo piatto, da tre stelle Michelin”.

Manualità esperta, attenzione ai dettagli e un gran sorriso perché la cucina è anche e soprattutto divertimento e ispirazione. Rapisarda è di Castelfidardo, giovane papà, ed è un vero talento. «La mia cucina si ispira molto alla tradizione marchigiana e attribuisce grande importanza alla parte vegetale: verdura, erbe e germogli di cui va rispettata la stagionalità ma sono anche molto legato al mare e infatti nel piatto che ho portato in finale cè il mosciolo selvatico di Portonovo, un mollusco raro che non si trova da nessunaltra parte». Nel suo caso la passione si è fusa con l’esaltazione delle bontà nostrane in un mix che ha lasciato senza parole i giurati, impegnati solo a dire sì.

Da quel concorso si è aperto un mondo: oltre che partecipare alle finali mondiali, Rapisarda è stato chiamato per cucinare a un convegno internazionale di avvocati a Washington D.C. dove ha esportato la “marchigianità” perché in fondo, tutto è partito dalla semplicità della cucina di casa. La sua curiosità culinaria ha avuto il via osservando nonna e zia ai fornelli arrivando poi alla scuola alberghiera dove ha imparato il mestiere e quei segreti che uniti al talento e al periodo formativo l’hanno fatto arrivare in alto. Essere chef non è soltanto far da mangiare, è molto di più: è un’arte.

Il suo sogno? Aprire un locale tutto suo e chissà, magari portare a tavola altre sue mirabili creazioni.