Creatività tridimensionale. I copricapi di Maura Marinozzi

Fino al prossimo 6 agosto, nell’ ambito dell’iniziativa “basilicopnf Arte+Design” promossa dal locale di via Fratelli Bandiera, sarà possibile visionare l’esposizione dal titolo “fifty fifty” che strizza l’occhio al “Summer Jamboree"

La Rocca Roveresca di Senigallia durante il Summer Jamboree (foto di Andrea Cesanelli acquisita da Wikipedia)

SENIGALLIA–  In attesa delle atmosfere retrò che avvolgeranno la città di Senigallia tra pochi   giorni,   l’inedito   progetto   “basilicopnf   Arte+Design” firmato Metabox per Basilico Pizza & Natural Food, propone un’esposizione che vedrà come protagonisti copricapi e acconciature ispirate agli anni ’50.

Dopo le mostre di Rita Meneghin e Ale di Gangi, stavolta le vetrine di Basilico Pizza & Natural Food ospiteranno le originali e colorate creazioni della designer Maura Marinozzi. La mostra che terminerà il 6 agosto.

Cappelli

Mauma è il marchio dietro cui si cela la creatività e la manualità di Maura Marinozzi, una designer che per l’occasione ha creato una capsule collection di acconciature e cappelli ispirate agli anni ’50. Otto pezzi unici con uno stile che respira i colori e le forme di quei favolosi anni ma che raccontano un percorso originale a cavallo tra arte e design.

Pezzi unici che potranno essere anche acquistati ed indossati in occasione del festival anni ’50. In occasione della presentazione della capsule ispirata agli anni’50, sarà possibile visionare all’ interno del locale anche una collezione di elaborate ed originalissime espadrillas della sua attuale produzione. Maura Marinozzi, marchigiana d’origine, ha trovato a Bologna una nuova dimensione creativa, prima con la pittura e poi con i tessuti con cui realizza ciò che nasce dalla fantasia e dalle sue mani. Dal primo cappello double-face sono nati più modelli, giocosi ed eleganti, per rendere unico il momento in cui si indossa un pezzo delle collezioni Mauma, realizzazioni a mano, pensati per far apprezzare valore e qualità.

Modelli su misura per uomo, donna e bambino, una creatività che parla con la tridimensionalità data ai tessuti.