7 cose che nota un interior designer se entra in una casa

Cosa direbbe un architetto d'interni della tua casa? Di sicuro, con il suo occhio esperto, scoverebbe qualche errore. Ecco quali

Hai arredato la casa secondo il tuo gusto e le tue esigenze, ma cosa direbbe un architetto di interni se entrasse nelle tue stanze?

In alcuni casi, infatti, gli errori possono essere evidenti, in altri invece il loro occhio esperto e allenato si trasforma in quello di un falco in grado di captare da lontano quel dettaglio sbagliato.

Le loro notazioni possono essere utili per procedere con qualche cambiamento e per riequilibrare la forza dell’impatto di alcuni accessori, scelti o collocati erroneamente.

Scopri come migliorare i tuoi ambienti attraverso gli errori che sanno intercettare e, quindi, le dritte che ne derivano.

1. L’eccesso di elementi decorativi

Crea una sensazione di disordine e confusione all’interno dello spazio, eliminando anche il senso di ariosità. Sarebbe come sentirsi dentro un negozio di mobili o un caravanserraglio.

2. Le tende montate troppo in basso

Sembra un dettaglio di poco conto, eppure lavorare sull’altezza del bastone a cui appendi le tende, significa fare in modo che la percezione dello spazio sia più ampia. Più le tende sono vicine al soffitto, più sembrerà spaziosa (e alta) la stanza.

3. L’assenza di sperimentazione

Per capire se un accessorio sta bene su una parete piuttosto che su un’altra o per trovare la disposizione perfetta dei mobili, bisogna sperimentare. Alcune volte la teoria non è sufficiente a rendere l’idea e la soluzione è quella di spostare fisicamente i vari elementi per intercettare l’angolo migliore. Un buon interior designer capisce subito se il passaggio alla sperimentazione è stato effettuato.

#kitchenlove #countrykitchen #homedecor #countrystyle

A post shared by laviealalune (@laviealalune) on

4. Mobili piccoli in spazi piccoli

Bisognerebbe fare esattamente il contrario per dare maggior importanza all’ambiente. Il volume di mobili grandi, infatti, cattura subito l’occhio e distrae dalle dimensioni, magari ridotte, della stanze, creando un gioco di illusione per lo spazio.

5. Un unico stile di arredamento

Per dare maggiore personalità ai tuoi spazi, non creare un solo stile con elementi coerenti, ma prova a inserire qualche pezzo che sia in contrasto con l’atmosfera generale delle stanze. Se hai un ambiente moderno, inserisci una cassettiera antica, se hai un ambiente prevalentemente classico, dai un tocco con degli accessori di stile industriale.

6. La scelta dell’arredamento in un solo negozio

Sarebbe meglio non farlo, anche se è più comodo e veloce. Questo significa anche prendersi il tempo e imparare a diventare pazienti quando si tratta di arredare una casa. Seleziona i vari pezzi, uno a uno e con cura, aiuta anche a esplorare varie alternative. È un modo anche per avere idee e aprire nuovi universi.

7. Un arredamento poco funzionale

L’arredamento e la disposizione dei mobili dovrebbe rispondere alle nostre esigenze. Se ti siedi sul divano, dovresti avere un tavolino su cui appoggiare un bicchiere.