Centro Pagina - cronaca e attualità

Lifestyle

Arriva il micro taxi elettrico a impatto zero

Tecnologia amica dell'ambiente: City e Taxi arriva dalla Germania ed è la nuova frontiera nel campo delle auto elettriche. Dotato di batterie cariche sotto la carrozzeria azzererà i problemi di ricarica

City e Taxi, l'auto elettrica tedesca destinata in futuro anche al car sharing

La mobilità del futuro è elettrica, è questa la strada che le maggiori case automobilistiche hanno deciso di seguire. Tra gli inconvenienti, però, c’è quello della ricarica: spesso, infatti, i veicoli devono rimanere fermi presso le stazioni per far sì che la batteria torni ad un livello che permetta di circolare liberamente. Un problema soprattutto per chi, come i tassisti, con la propria auto ci lavora.

La soluzione, però, arriva dalla Germania dove partner privati e risorse pubbliche si sono unite per creare il City e Taxi, una vettura da 3,3 metri di lunghezza destinata non soltanto al trasporto pubblico, ma in futuro anche al car sharing o al trasporto di privati. La vettura in questione è un quadriciclo, ma la caratteristica più importante sta proprio nella durata della batteria, potenzialmente illimitata. Una volta esaurita la carica, infatti, basterà cambiare le batterie, poste in un cassetto estraibile collocato sotto la carrozzeria, con quelle cariche azzerando così i tempi di attesa per la ricarica.

Il micro taxi a zero emissioni è stato ufficialmente presentato al CeBit di Hannover da Adaptive City Mobility (ACM) , il consorzio di imprese di cui fa parte, tra le altre, anche Siemens e sarà testato su strada già nel corso dell’anno a Monaco di Baviera. Gli sviluppatori assicurano che la sua autonomia con un “pieno” è di circa 120 km. Compatto e razionale, il City e Taxi non bada all’estetica ma punta soprattutto alla sostanza.

Largo poco meno di un metro e mezzo e alto 166 centimetri, la vettura dispone di tre posti, uno centrale avanzato per l’autista e due per i passeggeri mentre il bagagliaio ha una capacità di 360 litri. Il design ricorda quello delle cosiddette Keicar giapponesi e si caratterizza per la forma cubica del telaio, realizzato in alluminio e materiali compositi, mentre per le portiere è stato usato il plexiglas.

A spingere il City e Taxi c’è un motore elettrico da 14 kW capace di raggiungere i 90 km/h. Il futuro della mobilità è in arrivo e la nuova vettura potrebbe aprire la strada a una rivoluzionaria generazione di autoveicoli ecologici e sempre più performanti.