Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

A Jesi prosegue il Viaggio nella nostra storia

Prossimo appuntamento per sabato 2 marzo, sempre a Palazzo Bisaccioni, per un focus su Giorgio Fuà, leggi razziali e guerra e una relazione sulla comunità ebraica locale

Viaggio nella Nostra Storia
Incontro del 16 febbraio su Giacomo Costantino Beltrami con la prof.ssa Federica Paccamiccio, docente di Lettere all’Istituto Alberghiero A. Nebbia di Loreto, e Alessio Pieralisi

JESI – A Palazzo Bisaccioni (piazza Colocci 4), a Jesi, continuano a muoversi le tappe del “Viaggio nella nostra storia – Jesi e la Vallesina nei secoli”, il ciclo di quattro incontri con esperti e studiosi per riscoprire le origini della realtà che ci circonda, quale impatto abbiano avuto gli eventi a carattere nazionale e mondiale nel contesto locale e quale siano stati i personaggi che hanno condizionato lo sviluppo del territorio con la loro opera.

Viaggio nella Nostra Storia
Sala piena a Palazzo Bisaccioni, Jesi (incontro del 23 febbraio)

Organizzato e promosso dal Centro Turistico Giovanile Vallesina, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e con il patrocinio del Comune, il programma ha in agenda ancora due date, dopo la buona affluenza e l’apprezzamento ricevuti dai primi due appuntamenti.
Sabato 2 marzo, alle 17.30, si parlerà di “Da Ancona e Lugano: Giorgio Fuà, le leggi razziali, la guerra” con Roberto Giulianelli, docente di Storia economica all’Università Politecnica delle Marche e vice-presidente dell’Istituto Storia Marche. Ci sarà anche Giancarlo Maria Goffi con una relazione sulla presenza della comunità ebraica a Jesi, tratta da un lavoro del 2015 scritto con Fabio Galeazzi. Parteciperà pure il coro della Scuola Musicale Pergolesi, diretto dal maestro Luca Mancini, che abbinerà i canti ai temi trattati, mentre un filmato sarà proiettato durante l’esecuzione.

La rassegna si concluderà domenica 10 marzo, alle ore 10, con una giornata “Dalla teoria alla pratica”, con visita guidata al Palazzo Bisaccioni e aperitivo (durante la serata di sabato 2 marzo saranno aperte le prenotazioni).