Jesi, occhi elettronici per stanare chi passa con il rosso

La Polizia Locale ha noleggiato un dispositivo che consente di individuare i veicoli che non rispettano le indicazioni semaforiche, sanzionandoli da remoto

Semaforo in tilt
Semaforo in via Erbarella

JESI – Tempi duri per i furbetti del semaforo. Presto, la polizia locale potrà avvalersi di un dispositivo che individua i veicoli che passano con il rosso. L’amministrazione ha infatti noleggiato un sistema di rilevazione infrazioni che può essere gestito da remoto, senza la presenza dell’agente, così da poter stanare e sanzionare l’illecito, spesso causa di incidenti e investimenti.

Accanto al targa system, quindi, che permette già ai vigili urbani di Jesi di leggere in tempo reale le targhe delle auto per controllarne la regolarità con revisione e assicurazione, la squadra guidata dal comandante Cristian Lupidi potrà contare su questo nuovo supporto tecnologico. La finalità principale è la tutela dell’utente debole della strada.

La particolarità dello strumento, che sarà testato nei dodici mesi di noleggio, è che non richiede la presenza di organi di polizia: il sistema fornisce, in un unico filmato digitale criptato compresso, la sequenza della presunta infrazione dell’attraversamento dell’intersezione. Le attività di accertamento delle infrazioni e la conseguente elevazione delle sanzioni saranno svolte nella sede del Comando di polizia locale dagli agenti, in seguito dell’analisi dei filmati registrati dal sistema.

Ovviamente, l’utilizzo del dispositivo dovrà essere visivamente segnalato in prossimità del semaforo.