Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Si ritrovano in 70 gli ex alunni e amici del Collegio Pergolesi

Provenienti da diverse regioni d'Italia per il congresso annuale, svoltosi a Jesi, che ha spento 65 candeline. Tra le future iniziative anche un volume che racconti quelle esperienze di vita

Gli intervenuti al congresso Exaa al Collegio Pergolesi

JESI – Una rimpatriata da diverse regioni d’Italia, perché il Collegio Pergolesi di Jesi ha visto passare, negli anni, generazioni di ragazzi.

Un momento del congresso nella sala teatro del Collegio

E si sono ritrovati, ancora, oggi 17 settembre, in occasione dei 65 anni del loro congresso. Erano in 70 – chi non è potuto intervenire, ed erano in diversi, ha fatto pervenire un messaggio di partecipazione – e non solo il ricordo di quello che è stato ha ravvivato l’incontro, ma soprattutto l’esigenza di dare una continuità all’associazione Exaa, ex alunni e amici.

I componenti del Consiglio direttivo Exaa

«Siamo come fratelli –  ha sostenuto il presidente Giuseppe Padula, pescarese – e questa realtà associativa non è solo nostra, costituisce un patrimonio per l’intera città che, spero, dal prossimo anno possa partecipare numerosa al nostro congresso».

È importante ritrovarsi, perchè significa non perdere tutta quella storia che tra le mura del Collegio è trascorsa, individuale e di gruppo, come l’esperienza della Fortitudo Pallacanestro nella quale militavano allievi ma anche ragazzi jesini al di fuori della struttura educativa.

Fortitudo Pallacanestro, i cestisti di un tempo

E si sono ritrovati, i cestisti di un tempo, con qualche anno in più ma con la stessa identica  passione: Franco Fornarini, Mario Sardella, Antonio Pierella, Ciro Rossi, Giuseppe Padula, Corrado Jorio, Armando Bigi, Giuliano Fele, Antonio Blesi, Ercole “Albi” Magrini.

Presidente e consigliere, Benito Motisi, hanno voluto anche omaggiare, con dei fiori, la vedova Anna Maria e la sorella, Adele, del dott. Alfonso Pagliariccio, ex alunno, di Arcevia.

L’omaggio floreale alle signore Anna Maria e Adelina da parte del presidente Giuseppe Padula e del consigliere Benito Motisi

Due le iniziative alle quali si lavorerà: l’uscita di un volume che raccolga momenti di gioventù che ognuno vorrà riportare e mettere a disposizione, una petizione che faccia ritornare sulla facciata della struttura la scritta Collegio Pergolesi, tolta dopo i lavori di ristrutturazione.

Una famiglia allargata destinata ad aumentare grazie all’apporto di quanti, e sono ancora tanti, hanno camminato insieme, per una parte importante della propria vita, con chi, oggi, c’era.