Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Serra San Quirico, annullata la rassegna nazionale di Teatro Scuola

Lo hanno comunicato il presidente dell'Atgtp, Fabrizio Giuliani, e il direttore artistico della rassegna di teatro educazione, Salvatore Guadagnuolo, in una lettera inviata agli insegnanti, agli operatori culturali e teatrali e agli studenti

Uno degli spettacoli delle precedenti edizioni (Immagine di repertorio)

SERRA SAN QUIRICO – La 38esima Rassegna Nazionale di Teatro della Scuola, che ogni anno riunisce a Serra San Quirico centinaia di studenti da tutta Italia, e che si sarebbe dovuta tenere dal 18 aprile al 2 maggio 2020, è stata annullata. Gianni Rodari il personaggio guida.
Lo hanno comunicato il presidente dell’ATGTP Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata, Fabrizio Giuliani, e il direttore artistico della rassegna di teatro educazione, Salvatore Guadagnuolo, in una lettera inviata ai i dirigenti scolastici, agli insegnanti, agli operatori culturali e teatrali e agli studenti.

Questo il testo della lettera

«Di fronte al susseguirsi di notizie e provvedimenti che ci giungono sul fronte del contagio da coronavirus, è necessario che tutti, come singoli, professionisti dell’educazione e dell’arte, rappresentanti di una comunità, si indirizzino al bene comune, a soluzioni che preservino tutti, ma prima ancora le fasce più deboli della popolazione. La Ragione deve prevalere sul Sentimento.
Il buon senso, il rispetto delle regole dettate dalle Istituzioni ci invita a stare a casa.
In un altro momento storico non realizzare la Rassegna di Serra San Quirico sarebbe stato una scelta grave, un atto contro la cultura, contro i valori che portiamo avanti da anni con impegno, caparbietà e ostinazione.
Ma oggi rinunciare alla Rassegna è un atto di civiltà, di rispetto verso chi è in difficoltà, verso chi soffre, chi non può muoversi.

Ringraziamo tutti coloro che stavano preparandosi al nostro progetto.
Ringraziamo tutte le Scuole, i Dirigenti, il personale Docente, il personale ATA e soprattutto gli studenti per la loro volontà e determinazione.
Ringraziamo gli Operatori di Teatro Educazione che avrebbero messo a disposizione la loro professionalità.

Ringraziamo gli studenti delle Accademie di Brera e Macerata per il “passionale lavoro” di preparazione.
Ringraziamo lo staff organizzativo sempre pronto in prima linea a rendere “grande” il progetto Rassegna.
Affrontiamo il momento, insieme.
Noi non ci fermiamo; “adda passà a nuttata” scriveva il grande drammaturgo napoletano e noi già pensiamo a cosa programmare, a cosa fare, anche quest’anno; poiché, come diceva il grande poeta marchigiano, operosamente aspettiamo convinti che prima o poi (speriamo prima possibile) “passata è la tempesta, odo augelli far festa”.
E la tempesta passerà ne siamo certi!