Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Scuola e viabilità, Napolitano: «Più bici e meno auto, no al caos attorno ai plessi»

Appello alla responsabilità di genitori e studenti, due app per incentivare e supportare la partecipazione dei più piccoli al Piedibus e la condivisione del mezzo di trasporto dei più grandi

Da sinistra Cinzia Napolitano, Francesca Paolini di Legambiente e i rappresentanti Cnh

JESI – Due app per incentivare e supportare la partecipazione dei più piccoli al Piedibus e la condivisione del mezzo di trasporto per recarsi a scuola dei più grandi. L’idea di zone 30 – con limite di velocità a 30 chilometri orari- nei pressi degli istituti educativi e la ripresa dell’iniziativa il Giretto d’Italia. Il tutto all’insegna di un appello, in occasione della ripresa delle lezioni. «Utilizzare quanto meno possibile l’auto e, invece, quanto più la bicicletta o una passeggiata per i percorsi casa- scuola e casa- lavoro, si può» dice l’assessora all’ambiente Cinzia Napolitano.

In Comune l’esponente di Giunta ha presentato il ritorno sui banchi dal punto di vista della viabilità. «Responsabilità – dice Napolitano- e evitare di creare traffico e caos intorno alle scuole. Alla Polizia Locale abbiamo chiesto di non tollerare parcheggi in doppia fila o sui marciapiedi nei pressi degli istituti».

Faranno l’esordio due app, finanziate dai fondi del Ministero dell’Ambiente che Jesi ha vinto in collaborazione con altri Comuni. «Appedibus– spiega Giacomo Aleffi che le ha studiate per USpace– è già attiva, di utilizzo facile e intuitivo. Consente di prendere visione dei percorsi, prenotare la partecipazione, tenere una rapida possibilità di contatto fra accompagnatori del Piedibus, bimbi e famiglie. Pronta anche Mobility pooling, per gli studenti più grandi che abbiano volontà e possibilità di condividere i tragitti». Al Piedibus, che accompagna a piedi i piccoli delle primarie a scuola, prenderanno parte da ottobre 200 alunni.

Con Napolitano ci sono Francesca Paolini, responsabile a Jesi di Legambiente, e i rappresentanti dello stabilimento jesino Cnh. Giovedì 17 torna in tutta Italia, e alla Cnh di Jesi, l’iniziativa “Giretto d’Italia” ma a Jesi alle scuole toccherà venerdì 18. «Un posticipo deciso per avere più tempo per promuovere l’appuntamento- dice Napolitano- invitiamo a recarsi a scuola in bicicletta, i punti di controllo di Legambiente saranno all’Arco Clementino, piazzale San Savino, viale Verdi e via Gola della Rossa, per riscontrare quale sarà l’istituto con la maggiore adesione».