Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, corsa contro il tempo per utilizzare la palazzina ex Asl

Affidato in tempi strettissimi l'incarico professionale per la verifica di vulnerabilità sismica dell'immobile di via Gallodoro, ora sede del centro sociale Tnt. Il Comune spera di poterlo utilizzare per le scuole

La palazzina ex Asl di via Gallodoro

JESI – Vulnerabilità sismica della palazzina ex Asl di via Gallodoro, l’amministrazione comunale di Jesi spinge sull’acceleratore per metterla a disposizione delle scuole. Già affidato l’incarico professionale, investendo circa 42 mila euro, così da poter eseguire lo studio durante il mese di agosto e sperare in un esito positivo L’approfondimento strutturale è necessario per capire i lavori da realizzare per la messa a norma e con quali tempistiche. Molto probabilmente l’edificio gestito dal centro sociale Tnt non potrà essere fruibile per la metà di settembre, ma l’obiettivo è chiudere eventuali cantieri entro l’anno.

Di sicuro, la palazzina a ridosso dell’asse sud non verrà usata per gli studenti della Martiri della Libertà, che invece verranno dislocati fra il Mestica e l’ex Tribunale. Non si placano le polemiche fra Jesi in Comune e l’amministrazione Bacci. «Hanno sempre respinto proposte di dialogo in maniera sprezzante e questo caos è il risultato – tuona il consigliere di minoranza, Samuele Animali -. Purtroppo trovare le aule spetta al Comune».

Jesi in Comune dice la sua anche sulla scelta della palazzina ex Asl: «Quando dicevamo noi qualche tempo fa che bisognava trovare delle sedi nuove ed aggiuntive siamo stati trattati a pesci in faccia – il commento del gruppo di opposizione – . Una proposta imbarazzante fu definita, solo perché tra le varie ipotesi avevamo messo anche quella di costruire una scuola di legno come fatto all’inizio degli anni 2000. Il tempo è galantuomo e l’idea del Comune è apprezzabile, anche se rimarrà incompleta e impraticabile fin quando non troveremo una sistemazione soddisfacente e alternativa per le attività sociali sviluppate dal Ttnt e dalle associazioni attualmente presenti presso la palazzina ex Asur».