Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Rugby Jesi ’70 all’osso, troppo forte la capolista Parma. «Ora contro Modena per una grande partita»

Leoni decimati dagli infortuni, la prima fa la voce grossa e si impone nettamente. «Rispettati avversario e campionato, senza troppo facili rinunce. Al prossimo ritorno in campo vogliamo la prima vittoria». Appuntamento in casa il 5 dicembre

Una immagine del Rugby Jesi in gioco fra le mura amiche

JESI – «Una brutta domenica, contro una squadra veramente forte. Ma i ragazzi ci hanno messo la faccia e hanno rispettato il campionato. Siamo fiduciosi e vogliamo la vittoria quando, dopo la sosta, torneremo in campo contro Modena». Così German Greco, allenatore del Rugby Jesi ’70, dopo la netta sconfitta incassata dal quindici jesino sul campo del Rugby Parma 1931 nell’ultimo turno del campionato di Serie B: 104-7 per la capolista del girone, troppo netto il divario fra le due squadre per ottenere di più.

German Greco, tecnico del Rugby Jesi ’70

«Loro sono uno squadrone con un organico di 40 giocatori, costruito per puntare alla promozione in Serie A pescando anche da elementi di categoria superiore e da fuori – dice Greco – noi in questo momento abbiamo delle difficoltà importanti. Nell’ultima gara in casa con i Lions Amaranto avevamo perso per infortunio Federico Sandroni e lo recupereremo solo per la prossima. A Parma è stato Michele Carosi a subire un infortunio al naso, lo perderemo per almeno 20 giorni. Siamo saliti in Emilia con 17 giocatori disponibili e alla fine Frati, il loro coach, ci ha tenuto a complimentarsi: in queste condizioni e con tutte le problematiche del post Covid, molte squadre preferiscono magari rinunciare alla trasferta, come è capitato a noi con il rinvio della partita della seconda giornata che avremmo dovuto disputare in casa. Così è troppo facile, noi abbiamo voluto comunque esserci e onorare così l’impegno e il campionato».

Si deve adesso guardare avanti. «Prendiamo comunque gli aspetti positivi che non sono mancati: i ragazzi sono stati in campo bene, hanno fatto buone cose in touche e, nel primo tempo, in mischia ordinata. Abbiamo sempre provato a giocare quando abbiamo avuto il pallone e tenuto una buona disciplina. Ora abbiamo davanti a noi due settimane per recuperare energie e uomini e cercare il primo successo quando torneremo a giocare in casa».

Il campionato di Serie B si ferma nel prossimo fine settimana. Sarà domenica 5 dicembre prossimo che, alle 14,30, il Rugby Jesi ’70 ospiterà sul proprio campo Modena. «Vogliamo vincere in casa, dove già ci siamo andati vicino e abbiamo messo in difficoltà un’altra delle prime, il Lions Amaranto. Ci siamo posti con i ragazzi l’obiettivo di prepararci per una grande partita, sono certo che arriverà anche il risultato».

Nell’ultimo fine settimana, stop anche per la Under 19, sconfitta 40-0 sul campo di Pesaro. Esulta invece la Under 17, corsara per 15-24 a Perugia. La Under 17 femminile segna 5 mete contro 3 nel confronto con Perugia e 4 contro 5 in quello con la Rappresentativa Marche- Umbria.