Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Riduzione orario della biblioteca dei ragazzi di Jesi, il Pd: «Perché è accaduto?»

Emanuela Marguccio, consigliera comunale democrat, chiede all'amministrazione come si muoverà per ripristinare integralmente il servizio a disposizione dei più piccoli

JESI – Orario ridotto alla biblioteca dei ragazzi per carenza di personale. Questa è stata la decisione assunta dal Comune a seguito del pensionamento della coordinatrice storica del servizio, Francesca Ciampichetti. Una scelta che il Pd non condivide.

«La Biblioteca dei Ragazzi, tra le migliori d’Italia, offre alla città un servizio di alta qualità – commenta Emanuela Marguccio, consigliera comunale democrat -. I volumi presenti, lo scaffale multiculturale, le attività didattiche e formative promosse sempre con grande successo, gli ambiente accoglienti e curati, hanno permesso alla biblioteca di ricoprire un ruolo da protagonista nella crescita socio – culturale della città. A gennaio la bibliotecaria storica della “Casa dei Libri” per ragazzi è andata in pensione dopo quarant’anni di onorato servizio svolto con grande passione e notevole competenza. Successivamente al suddetto pensionamento, gli orari di apertura della struttura sono stati ridotti, la sua gestione è provvisoria e, senza una progettualità che si ponga in continuità con quanto attuato nel corso degli anni, si rischia di ridurre la qualità del servizio fin qui garantito dalla biblioteca».

Emanuela Marguccio

Marguccio chiede dunque all’amministrazione Bacci, mediante interrogazione da discutere giovedì 27 febbraio in aula consiliare, «per quale motivo non è riuscita ad evitare la riduzione dell’orario di apertura al pubblico della biblioteca dei ragazzi e come intende provvedere per avviare al più presto una nuova organizzazione che permetta alla struttura di riuscire a garantire una ricca ed efficace offerta formativa, in continuità con le scelte e il lavoro svolto negli anni».