Riapre il Museo Federico II. Bacci: «A breve l’incontro con Pieralisi»

Di nuovo pronta ad accogliere i visitatori la struttura dedicata allo Stupor Mundi dopo la chiusura nei primi giorni dell'anno. Il primo cittadino di Jesi precisa: «Se sarà necessario l'intervento del Comune valuteremo come organizzarlo in base alle disponibilità»

Il museo Stupor Mundi

JESI – Riapre i battenti oggi, con orario immutato, il Museo Federico II Stupor Mundi dopo la chiusura che si è protratta dai primi giorni dell’anno (leggi l’articolo). A comunicarlo è il museo stesso sulla pagina Facebook.

Il sindaco Massimo Bacci incontrerà a breve (forse oggi, ndr) l’ingegner Gennaro Pieralisi, presidente della Fondazione Federico II Stupor Mundi che gestisce il polo: «Sono contento che il Museo riparta – commenta il primo cittadino – Non appena incontrerò l’ingegner Pieralisi potrò valutare la situazione effettiva. A lui va il mio ringraziamento per la realtà messa in piedi. Se ci sarà bisogno dell’intervento del Comune vedremo».

La possibilità quindi che il Comune prenda la gestione del Museo e che quindi passi dal privato al pubblico non è del tutto naufragata: «Siamo in attesa delle decisioni di Pieralisi, vediamo i suoi orientamenti e se sarà necessario l’intervento del Comune valuteremo come organizzarlo in base, ovviamente, alle disponibilità dell’ente» aggiunge il sindaco. Ripresa dunque l’attività anche per il personale addetto cui sono stati rinnovati i contratti. «Sono certo che il Museo avrà continuità – conclude Bacci – Vedremo come in futuro potrà essere regolata l’attività». La chiusura del Museo ha provocato reazioni nel mondo politico con l’opposizione di Jesi in Comune che ha presentato un’interrogazione per il prossimo consiglio comunale (leggi l’articolo) e con lo scetticismo espresso dall’ex candidato sindaco Massimiliano Lucaboni (leggi l’articolo).