Jesi, i politici piantano alberi

In occasione della festa dell'Albero, il comune pianterà circa 140 specie arboree autoctone nelle aree verdi, nei cortili delle scuole e alla riserva Ripa Bianca. L'amministrazione invita i consiglieri comunali a mettere le braccia a disposizione

Il parco del Vallato

JESI – Sono circa 140 gli alberi che il Comune si appresta a piantare in città. La maggior parte delle specie alboree autoctone verrà introdotta alla riserva di Ripa Bianca (un’ottantina ndr.), mentre le restanti andranno ad arricchire aree verdi e cortili scolastici. A darne notizia è l‘assessore all’ambiente, Cinzia Napolitano, che invita i consiglieri comunali di maggioranza e opposizione a mettere braccia e lavoro a disposizione per realizzare questo progetto.

«Il prossimo 21 novembre – spiega l’esponente di giunta – si celebrerà la festa dell’Albero nelle scuole. Pensavamo di replicare la festa con la città domenica 24 novembre e chiediamo ai rappresentanti politici dell’aula consiliare di darci una mano. Il Comune predisporrà ovviamente il terreno, abbiamo bisogno di braccia».

Indicativamente saranno messe a dimora le seguenti specie arboree autoctone, fornite gratuitamente dai vivai forestali dell’Assam: Quercus pubescens, Acer campestre, Fraxinus ornus, Populus alba, Cercis siliquastrum, alberature da frutto (Malus, Pyrus e Prunus cerasifera). Relativamente all’obbligo di piantare un albero per ogni nato, regolamentato da un’apposita legge, è stato effettuato dal servizio Infrastrutture e Mobilità un report consuntivo delle nascite dal 2° semestre 2013 al 1° semestre 2019. Ad oggi, sono stati piantati 1.564 alberi a fronte di 1.793 nuovi nati.

Oltre all’Oasi protetta, le piantumazioni interesseranno le aree esterne di asili e scuole Anna Frank, Oasi, Conti, Gola della Rossa, Leopardi e Perchi, e in due vie: Cuppari e Fermi. La messa a dimora degli alberi sarà eseguita con la collaborazione dei volontari del WWF e Legambiente.