Pellegrinaggio a piedi Jesi – Loreto concluso al suono delle campane

L'arrivo nella piazza del santuario alle 6.40 di stamattina, 17 giugno. Preghiera insieme al nuovo arcivescovo lauretano Fabio Dal Cin. Partenza alle 8 con due pullman a bordo dei quali sono saliti in 103

L'arrivo a Loreto dell'edizione 2018

JESI – Sono arrivati in piazza della Madonna alle 6.40 di questa mattina, 17 giugno, i partecipanti a questa 40ma edizione del pellegrinaggio a piedi Jesi – Loreto.

Erano partiti in circa 200 – 153 le iscrizioni effettive, ma poi qualcuno si è fermato dopo un breve tratto – e la prima sosta intorno alle 0.45 è avvenuta a Casenuove di Osimo.

«Abbiano camminato a un ritmo abbastanza sostenuto – spiega Franco Mercadante, presidente del comitato organizzatore – anche se quest’anno siamo partiti in leggero anticipo. E si è svolto tutto nel migliore dei modi: tutti bravi, dai volontari dell’Anc – Associazione nazionale carabinieri –  a quelli della Croce Rossa, che ci ha seguito con un’autoambulanza, alla “scorta”, in fondo alla fila, di Adriano Trillini con un automezzo della sua concessionaria attrezzato per l’occasione».

All’arrivo i pellegrini sono stati accolti dal suono delle campane e da padre Gianluca Quaresima, di Moie. Ma si è fermato con loro anche il nuovo arcivescovo di Loreto, Fabio Dal Cin, insediatosi nel maggio dello scorso anno, che ha recitato una preghiera comunitaria.

La partenza per il rientro a Jesi, con i due pullman Esitur, è avvenuta alle 8 e sono saliti a bordo in 103.

«Un pellegrinaggio che celebrava i suoi primi 40 anni – dice Mercadante – e sono molto soddisfatto di come è andata. Chi ha partecipato lo ha fatto davvero con lo spirito del pellegrino. Durante il percorso si è pregato molto con momenti di riflessione».