Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Pellegrinaggio a Loreto concluso, il rientro stamattina

L'arrivo nella piazza del santuario alle 6.35. Un pellegrinare scandito da preghiera e testimonianze. Già in cantiere la quarantesima edizione prevista per sabato 16 giugno 2018

I pellegrini sulla scalinata della basilica di Loreto

JESI – Sono arrivati in piazza della basilica di Loreto alle 6.45 di stamattina, domenica 18 giugno, i circa 200 pellegrini partiti a piedi ieri sera da Jesi, chiesa di Sant’Antonio Abate. Il 39mo pellegrinaggio  si è concluso con le prime luci di questa giornata, rimandando l’appuntamento all’edizione numero quaranta del prossimo anno, il 2018, quando sarà in programma per sabato 16 giugno.

Si accendono i lumini

E’ stato un cammino di preghiera e di testimonianze, interrotto soltanto da una breve sosta a Casenuove di Osimo, intorno all’1.30 e, poi, al santuario della Beata Vergine Addolorata di Campocavallo, con l’accensione dei lumini. In precedenza, intorno a mezzanotte, presso Santa Maria Nuova, erano stati raggiunti dalla giornalista siriana Asmae Dachan che ha portato al gruppo in cammino la propria testimonianza di pace, accolta dagli applausi. Lungo il tragitto, invece, la testimonianza di Mauro e Rita Curzi, di Moie, sulla pastorale familiare, anch’essa molto apprezzata.

In vista del santuario di Campocavallo

Tutto si è svolto con grande partecipazione, sotto una bellissima luna che ha accompagnato durante la notte un cammino particolarmente ordinato e con il gruppo sempre compatto dietro la Croce bianca. Qualche piccolo problema soltanto all’arrivo, per qualcuno dei partecipanti che affaticato è dovuto ricorrere al “sostegno”  dei sanitari dell’ambulanza della Croce Rossa che ha sempre seguito il pellegrinare sin da Jesi. Nulla di grave, comunque.

Ad attendere i pellegrini, un frate originario di Moie, padre Giancarlo Quaresima. Benedizione per tutti, foto di gruppo e poi rientro a casa, la maggior parte con i due pullman delle autolinee Crognaletti, che alle 9.30 circa erano già a Jesi.