Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, Paola Lenti fuori dalla giunta «per scarso entusiasmo»

A sostenerlo è il sindaco Massimo Bacci, che torna sulla scelta di ritirare le deleghe all'ormai ex assessore alla partecipazione. Critiche da parte dell'opposizione

Il sindaco di Jesi, Massimo Bacci

JESI – Parla di «mancanza di entusiasmo», il sindaco Massimo Bacci, nel motivare il ritiro delle deleghe all’ormai ex assessore alla partecipazione, Paola Lenti. Lo dichiara in consiglio comunale. E lo opposizioni vanno all’attacco.

«Fin dall’inizio – il commento di Bacci – l’assessore Lenti avrebbe preferito un altro incarico. E forse anche per questo ha lavorato senza l’entusiasmo che sarebbe servito. Ho ritenuto dunque opportuno non avvalermi più della sua collaborazione». Limitato il feeling con Marialuisa Quaglieri e Marisa Campanelli, le altre due donne della giunta che si occupano del settore sociale. «Era ben noto agli assessori – precisa sempre il sindaco – che a metà del mandato, dopo due anni e mezzo dal voto, ci sarebbe stata una verifica sul lavoro svolto e su obiettivi per il futuro. Ed è mio dovere garantire che l’Esecutivo operi nella maniera più efficace possibile».

Paola Lenti

Critica l’opposizione. «Fuori luogo parlare di mancanza d’entusiasmo per Paola Lenti, visto come ha collaborato con le realtà del volontariato – il parere di Claudia Lancioni del Movimento 5 Stelle -. Il fallimento è tutto vostro, e non certo suo. Avete perso la candidata di lista più votata». Polemico anche Andrea Binci, nuovo capogruppo Pd, così come Silvia Gregori (Forza Italia): «Dunque, Paola Lenti si è comportata bene ma senza entusiasmo. Come gli insegnanti dicono ai genitori in occasione dei colloqui scolastici». Jesi in Comune nutre perplessità : «La città merita di sapere cosa c’è dietro un atto, certo legittimo, ma politicamente così forte». Affonda il colpo anche l’ex di maggioranza, Marco Giampaoletti (Lega): «Nella conferenza stampa di fine 2019, il sindaco aveva parlato di grande successo per Volontarja (manifestazione seguita e curata dalla Lenti), appena tre settimane dopo caccia chi se ne era occupata».

«Dispiace dal lato umano – afferma Nicola Filonzi di Jesiamo, al fianco del sindaco Bacci e nella stessa civica della Lenti -, ma sbaglia chi ha parlato di fallimento della maggioranza, o ha addirittura tirato in ballo la parola dimissioni. Il sindaco ha operato nella piena legittimità dei propri poteri e con il completo avvallo dei consiglieri».