Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, il padrone va in ferie e il cane fugge: scatta la multa

La Polizia locale è intervenuta per catturare l'animale e ricoverarlo presso il canile come misura temporanea in attesa del ritorno del padrone

polizia-locale
La sede della Polizia Locale di Jesi in piazza Indipendenza

JESI – Il padrone va in vacanza per Ferragosto ma lascia il cane nel recinto di casa. L’animale decide di scappare via, salta dal recinto dell’abitazione e inizia a girovagare per la città. È successo nel caldissimo pomeriggio di Ferragosto a Jesi, quando alcuni automobilisti e residenti si sono allarmati nel vedere un cane di grossa taglia aggirarsi libero – senza guinzaglio né museruola – in viale del Lavoro e via Ancona, le zone più trafficate ma anche più frequentate anche da ciclisti (grandi e piccoli).

Il cane gironzolava senza una meta, disorientato. La presenza di quel grosso cane libero ha destato un certo allarme, finché qualcuno lo ha segnalato alla Polizia locale. Immediatamente la zona è stata raggiunta da una pattuglia che si è messa alla ricerca del cane per constatare la veridicità della segnalazione. Gli agenti hanno trovato in effetti il grosso cane sciolto. Hanno quindi allertato il servizio reperibilità della Asur e lo hanno catturato in piena sicurezza per gli operanti e per l’animale stesso. Hanno quindi constatato che non era un randagio ma aveva il microchip, dalla cui lettura la polizia locale è riuscita a risalire al proprietario.

Una volta contattato, il proprietario ha spiegato di trovarsi in vacanza e che aveva lasciato il cane nel recinto di casa, da cui probabilmente era scappato via. Ma era impossibilitato a venire a riprendersi il cane, non appena rientrato se ne sarebbe occupato. Intanto ha chiesto agli agenti di lasciarlo in custodia presso il canile di Jesi, una sistemazione temporanea fino al suo rientro.

Il cane – come previsto nei casi di cattura di cani vaganti o randagi in base al “regolamento regionale in materia di animali da affezione e prevenzione al randagismo” – è stato dunque condotto dai volontari presso il canile municipale di Jesi in attesa del rientro del padrone che lo riprenderà. Tuttavia, la Polizia locale ha elevato al padrone una multa di 200 euro per mal governo dell’animale. Fortunatamente, essendo una giornata festiva e caldissima, c’erano poche persone in giro in via Ancona e viale del Lavoro, pertanto la presenza del cane libero non ha causato danni né alle persone né alle cose, ma il rischio di incidenti, aggressioni con altri cani o a bambini poteva essere concreto.

© riproduzione riservata

Exit mobile version