Ospedale “Carlo Urbani”, esplosione alla centrale termica. Grave un operaio (FOTO)

L'incidente sul lavoro è avventuo intorno alle 11.30 circa in via dell'Agraria a Jesi. Sul posto l'eliambulanza che ha trasportato l'uomo al nosocomio di Torrette (Notizia in aggiornamento)

Il luogo dell'esplosione transennato

JESI- Esplosione alla centrale termica dell’Ospedale Carlo urbani di Jesi. L’incidente è avvenuto alle 11.30 di questa mattina, martedì 26 marzo, nella struttura in via dell’Agraria. Ad esplodere una caldaia. Ferito gravemente un operaio, in forza all’ospedale, sui 50 anni, che è stato trasportato all’ospedale di Torrette. Sul posto l’ambulanza, i vigili del fuoco, la Polizia locale con il comandante Cristian Lupidi, i Carabinieri e la Polizia. L’operaio, intubato, ha riportato un trauma cranico-facciale e toracico. La prognosi è riservata.

A dare l’allarme alcuni residenti del posto che hanno sentito i lamenti di dolore di una persona: sopraggiunti sono entrati all’interno del locale caldaie (un capannone con delle porte finestre in un’area recintata e con un cancello che al momento era aperto) e hanno visto a terra l’uomo. Da qui i soccorsi.

 

Il coperchio del comignolo della caldaia saltato via dopo l’esplosione

L’esplosione, che è stata sentita anche a diversi metri di distanza, ha scaraventato il coperchio di un comignolo della centrale ad una cinquantina di metri su di un campo vicino. Non ci sarebbero state fiamme nè fumo.

 

 

 

(Notizia in aggiornamento)