Jesi, la nuova piazza Colocci dice addio alle auto

Installati dissuasori e panchine di fronte a palazzo della Signoria. Niente più parcheggi, il centro storico potrà beneficiare di un "nuovo" salotto urbano. In attesa di piazza Pergolesi

La nuova piazza Colocci

JESI – Dissuasori fissi ai lati e panchine all’interno. Prende forma la nuova piazza Colocci. E dice addio alle auto. Niente più veicoli in sosta davanti palazzo della Signoria. L’amministrazione Bacci lo aveva annunciato e ha tirato dritto. Ricoperti gli scavi, dopo una approfondita valutazione economica e tecnica, il centro storico si arricchisce di un ulteriore “salotto urbano”, quasi a metà strada tra piazza Federico II e piazza della Repubblica. Un altro luogo in cui organizzare iniziative e manifestazioni, assolutamente suggestivo in quanto custodito dalla sede della biblioteca, da palazzo Colocci e da palazzo Bisaccioni. Nel mese di luglio, salvo imprevisti, è prevista la festa di inaugurazione. 

I lavori sono slittati a causa dei ritrovamenti nel sottosuolo di strutture murarie medievali, che hanno bloccato il cantiere per diversi mesi. Inizialmente, infatti, il taglio del nastro sarebbe dovuto andare in scena il 25 aprile. Si sono considerate tutte le possibilità, compreso il pavimento in vetro, ma la realizzazione e soprattutto la successiva manutenzione (pulizia, climatizzazione,etc.) avrebbero avuto dei costi spropositati. Stesso discorso per l’apertura al pubblico dei sotterranei. Si è pertanto optato per la ripavimentazione, ricostruendo virtualmente quanto gli scavi hanno “restituito” alla storia della città.

La nuova piazza Colocci

Ci sarà ancora da attendere, invece, per la nuova piazza Pergolesi. In settimana riprendono i lavori, che richiederanno tutta l’estate. Il sogno del Comune è di concluderli per la metà di settembre così da averla fruibile per le fiere di San Settimio. Nel dubbio, l’amministrazione non vi ha programmato alcuna bancarella, ipotizzando ritardi. La pavimentazione della piazza sarà infatti quella che nobiliterà il nuovo corso Matteotti, il cui cantiere dovrebbe essere aperto nella primavera del 2020. Molto probabile, insomma, che il taglio del nastro di piazza Pergolesi andrà in scena in autunno.

Nel contempo, la giunta sta dettagliando le soluzioni progettuali del boulevard pedonale jesino, che potrebbe ospitare panchine e non avrà più alcun marciapiede. In dubbio, l’installazione di alberi a piccolo fusto.