Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, nuova illuminazione a led: lavori quasi al giro di boa

Il Comune sta sostituendo tutte le vecchie lampade con punti luce che garantiscono maggiore visibilità e risparmi in termini energetici

La nuova illuminazione ai giardini pubblici

JESI – Sono quasi 3 mila i lampioni già rinnovati a Jesi. I lavori procedono speditamente e gli operai hanno già avviato la sostituzione delle vecchie lampade nei parchi, a partire dai giardini pubblici di viale Cavallotti. Complessivamente, gli interventi da effettuare sono poco meno di 8 mila.

Le soluzioni progettate differiscono in base alla collocazione. Ottocento i pali da cambiare e 10 mesi per completare la riqualificazione. Dieci attraversamenti pedonali, fra i più critici, sono stati inseriti nell’appalto per una illuminazione ad hoc: fra questi, sicuramente quelli di viale della Vittoria all’incrocio con viale Cavallotti e all’altezza del Mercantini, di viale del Lavoro all’altezza delle Poste e di via Minonna all’incrocio con via Misa e via Piandelmedico. Ad eseguire i lavori, dopo essersi aggiudicata un appalto da 4 milioni e mezzo di euro, è l’associazione temporanea di imprese costituita dalla Atlantico di Chioggia e dalla Eredi Paci Gerardo di Corridonia.

La gestione dell’illuminazione è in mano alla JesiServizi dallo scorso 1 aprile. L’incarico è ventennale: a JesiServizi il Comune trasferirà un canone annuo di 854 mila euro, corrispondente alla cifra abitualmente spesa ogni dodici mesi per i consumi di energia elettrica e gli interventi di manutenzione. Un conto complessivo da oltre 17 milioni di euro in vent’anni, nel quadro del quale ricavare le risorse necessarie alla progressiva sostituzione degli attuali punti luce con lampade al led che «garantiranno una migliore visibilità assicurando – spiega piazza Indipendenza – un significativo risparmio energetico e, di conseguenza, economico».

«Confidiamo di portare a termine il rinnovo di tutta l’illuminazione pubblica per marzo del prossimo anno», l’auspicio del sindaco di Jesi Massimo Bacci.