Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Monsano piange Antonella, travolta e uccisa da un furgone in via Guastuglie

La comunità è sotto choc per la morte della 54enne, vittima dell'incidente di ieri pomeriggio (21 luglio) mentre stava facendo una camminata “nordic walking” con i bastoni

Via Guastuglie dove Antonella Morosetti è stata investita e uccisa

MONSANO- La piccola ma coesa comunità di Monsano è in lutto per la morte di Antonella Morosetti, la donna di 54 anni investita ieri pomeriggio in via Guastuglie mentre stava facendo una camminata “nordic walking” con i bastoni. La donna, che lavorava come operaia specializzata in una ditta di Monte San Vito, abitava in un quartiere residenziale di nuova realizzazione in via Venezia.

Nubile, viveva con l’anziana mamma di cui si prendeva cura. Il suo tempo libero lo dedicava alle passeggiate in montagna con un gruppo di amici, soprattutto nei weekend, mentre qualche pomeriggio lo spendeva per fare “nordic walking”, la disciplina che prevede la camminata veloce con bastoni tipo quelli da sci, nelle strade di campagna del paese. Andava con un’amica oppure talvolta da sola, perché conosceva benissimo la zona.

Ieri, una tragica fatalità. Lungo via Guastuglie, una stradina che serpeggia nelle campagne del paese e collega la zona di Santa Maria fuori Monsano alla Sp76 della Val d’Esino in corrispondenza di Monte San Vito e Chiaravalle, la donna ha trovato la morte. Una frazione di secondo, ineluttabile. Da una semicurva a sinistra sbuca un furgone della ditta Gls condotto da un 30enne. Non è chiaro – saranno le indagini a stabilirlo – se il conducente abbia avuto un colpo di sonno o un malore, ma di fatto ha perso il controllo del mezzo che ha urtato in pieno la donna, schiacciandola contro un terrapieno. Un impatto fatale in seguito al quale ha riportato devastanti traumi facciali e toracici.

Ogni disperato tentativo di rianimarla è stato purtroppo vano. È spirata poco dopo l’arrivo dei sanitari del 118. Choc in paese, dove Antonella era molto conosciuta e ben voluta, anche perché fino a pochi anni fa abitava in centro ed era solita uscire sempre a piedi.
«Tutta la comunità si stringe all’anziana mamma con cui Antonella viveva in un appartamento del nuovo quartiere residenziale di via Venezia e ai fratelli – dice commosso il sindaco di Monsano Roberto Campelli – la conoscevo bene, prima abitava in centro e tutti la ricordano come una persona sorridente, gioviale, ma al contempo decisa nelle sue cose. Amava molto passeggiare in montagna e nelle strade del nostro paesino insieme a un gruppo di amici tutti appassionati di camminate. Prima abitava in centro storico, la si vedeva sempre uscire a piedi e frequentava abitualmente le sagre e le feste di paese. Poi quando si è trasferita nel nuovo quartiere insieme alla mamma, era sempre propositiva nel dare consigli e suggerimenti all’amministrazione su come migliorare e far funzionare il quartiere, sui servizi e le esigenze dei residenti. Una notizia drammatica – conclude Campelli – che ci addolora molto».

I rilievi di legge sono stati condotti dai Carabinieri del Norm della Compagnia di Jesi e della Stazione di Morro d’Alba. Il furgone è stato posto sotto sequestro, come da prassi e il conducente portato alla caserma di Corso Matteotti per essere identificato e sentito. La salma è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale “Carlo Urbani” a disposizione dell’autorità giudiziaria che con ogni probabilità disporrà un esame autoptico.