Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Monsano, il Premio Vallesina anti-Covid approda in streaming

L'appuntamento con la decima edizione è per il 21 giugno sui canali social Facebook e YouTube del Premio. L'obiettivo è raggiungere una platea più vasta

Premio Vallesina 2021
La locandina del Premio Vallesina edizione 2021

MONSANO- Un Premio, cinque vincitori, un grande appuntamento: sono gli ingredienti della decima edizione del “Premio Vallesina”, ideato dai Comuni di Monsano e Maiolati Spontini poi abbracciato dagli altri municipi della Vallesina per valorizzare i figli illustri del territorio, che hanno portato con il loro talento, il nome della propria cittadina sul tetto del mondo.

Presentata oggi nella sala consiliare del Comune di Monsano la decima edizione, che nasce in epoca Covid e pertanto, sarà in streaming. Ma non mancheranno gli elementi che nel corso di questa lunga storia del premio, nato nel 2002, lo hanno caratterizzato. L’evento è stato introdotto da Agnese Testadiferro, che quest’anno condurrà la serata di gala, alla presenza del sindaco di Monsano Roberto Campelli nella doppia veste di presidente del Premio, dell’ingegner Claudio Bocchini presidente della Commissione di valutazione dei curricula e di Luca De Minicis, dello studio Dmpconcept, direttore artistico dell’iniziativa e figlio del compianto Giuliano.

L’edizione di quest’anno si terrà il 21 giugno e per la prima volta sarà trasmessa in streaming nei canali social Facebook e YouTube dell’Associazione Premio Vallesina. «Nella ricorrenza del ventennale – dice Luca De Minicis – la serata sarà proposta in una veste innovativa che permetterà di raggiungere, grazie alla tecnologia, un pubblico molto più vasto rispetto a quello che avrebbe potuto ospitare in presenza la piazza (300 posti), necessariamente ridimensionato a causa delle limitazioni per l’emergenza sanitaria. Mi piace l’idea di proseguire quel percorso iniziato da mio padre e che seguivo sempre da dietro le quinte. Oggi è bello essere qui a organizzarlo nel suo ricordo».

La conferenza stampa di lancio dell’evento: da sinistra Luca De Minicis, il sindaco Roberto Campelli e la presentatrice Agnese Testadiferro

La scelta della data non è stata casuale

Per gli organizzatori l’idea dello streaming è stato il modo di reagire alle avversità, trasformando una situazione critica in una grande opportunità di crescita. Anche la scelta della data non è stata casuale. «Coincide con una ricorrenza molto particolare – spiega Agnese Testadiferro – il 21 giugno infatti viene celebrata, in 120 nazioni, la Festa della Musica che mobilita milioni di artisti in tutto il mondo. Ma è anche il Solstizio d’Estate, giorno che segna ufficialmente l’inizio della bella stagione. E speriamo che sia anche un’occasione di festa benaugurante per tutti». Per il presidente Roberto Campelli, che ha ringraziato i Comuni soci e le aziende che sostengono la manifestazione, si tratta di «una decima edizione sofferta e rimandata dallo scorso anno, che si svolgerà con una nuova modalità che speriamo possa raggiungere un vasto pubblico – ha detto – abbiamo voluto dare continuità alla manifestazione anche se in modo diverso. In questo ultimo periodo, purtroppo, abbiamo dovuto salutare per l’ultima volta alcuni grandi amici del Premio, come il direttore artistico Giuliano De Minicis, i componenti della commissione esaminatrice Giannetto Rossetti e Riccardo Ceccarelli, il dottor Sergio Cascia, la professoressa Gilia Volpotti e Sandro Paradisi uno dei soci fondatori del “Premio”. Siamo felici che tra i premiati ci sia un cittadino di Monsano, il musicista Massimiliano Donninelli che si esibirà con il suo strumento». «Sono certo che sia la modalità innovativa dello streaming che gli ospiti di livello che si alterneranno sul palco come il cantante lirico David Mazzoni, il sassofonista Massimiliano Doninelli e il cantore della tradizione popolare Gastone Pietrucci saranno di forte attrattiva per il pubblico» aggiunge Luca De Minicis.

I vincitori dell’edizione 2021

Il presidente della commissione Claudio Bocchini ha quindi presentato i premiati leggendo i rispettivi curricula: Laura Pentericci, astrofisica di Jesi (per le professioni); Edoardo Borgiani, ingegnere biomedico, di Maiolati Spontini (per la ricerca); azienda Apra Informatica di Jesi (per l’imprenditoria); Massimiliano Donninelli, musicista e compositore, di Monsano (per la cultura); Giuseppe Cormio, giornalista e dirigente sportivo, di Jesi (per lo sport). Bocchini ha espresso grande soddisfazione per il lavoro svolto dalla commissione, che era stato preparato per lo scorso anno quando però non è stato possibile organizzare l’evento.

La finalità solidale

Infine, il fondatore Nicola Di Francesco ha ricordato che nelle ultime tre edizioni sono stati introdotti i “premi speciali” per i giovani ricercatori, espressione della grande qualità dell’offerta formativa delle scuole superiori del territorio. Il Premio Vallesina per sua natura ha sempre guardato al sociale e alla beneficienza essendo a ogni edizione abbinato a una raccolta fondi: nato nel 2002 ha visto premiare 50 personaggi, ha coinvolto 10 Comuni e permesso di devolvere in beneficienza 135.000 euro. Se questa speciale versione streaming lo consentirà, parte delle sponsorizzazioni sarà devoluta all’associazione Solidarietà in Vallesina onlus nata per gestire gli aiuti alle Caritas del territorio nel sostentamento alimentare di famiglie bisognose.