Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Salvini a Jesi, sinistra e anarchici: «Non ci saremo». Il Tnt presente

Associazioni, partiti e singoli cittadini prendono posizione sulla visita in piazza dell'ex ministro dell'Interno: «Nessuna contestazione, non ci facciamo dettare l'agenda da chi è avversario». Ma il centro sociale non aderisce

Matteo Salvini

JESI – Matteo Salvini approda in città. Attorno alle ore 16.45, il leader della Lega terrà un comizio in piazza della Repubblica, a sostegno della candidata Linda Elezi e del centrodestra marchigiano.

La rete, come in tutte le vicende che riguardano l’ex ministro dell’Interno, si divide. C’è chi lo attende con impazienza e quanti vorrebbero raggiungere il teatro Pergolesi per contestarlo. Il centro sociale Tnt, ad esempio, si sta preparando. «A Jesi arriverà Matteo Salvini e con lui la cultura politica dell’odio, della discriminazione e dall’attacco alle e ai più deboli portata avanti dalla Lega – scrive il centro sociale Tnt -. Chi la vive però sa che Jesi, al contrario, è città inclusiva e accogliente, antifascista, antirazzista e antisessista, in cui c’è spazio per tutti ma non per chi è contrario a questi valori. Domani dalle 16 saremo in corso Matteotti per riservargli l’accoglienza che merita!». Prevista, inoltre, una contestazione simbolica, e pacifica, in piazza Indipendenza.

La foto pubblicata dallo Spazio Autogestito Tnt

Diversa la posizione di movimenti, associazioni e partiti della sinistra cittadina e degli anarchici: «Il 14 settembre prossimo alla chiamata di Salvini in piazza non ci saremo. Perché non siamo della Lega, perché siamo antifascisti. Non siamo abituati a farci dettare l’agenda politica da chi ci è avversario. La nostra politica non la risolviamo con due slogan e quattro promesse, men che meno urlando da un palco e prendendosela con i più deboli. Siamo abituati a fare politica tutti i giorni, quasi sempre senza essere pagati da nessuno, e lo facciamo sui luoghi di lavoro, in città, nell’associazionismo e ovunque ci sia bisogno di difendere e allargare diritti».

LEGGI ANCHE: Salvini a Jesi, lo sfogo di un cittadino contro «la sinistra che resta a casa»

A sottoscrivere questa presa di posizione, Anpi Jesi, Arci Jesi – Fabriano, Jesi in Comune, Sinistra Italiana, Jesi, Meetup – Jesi, Gruppo FAI “M- Bakunin di Jesi, Gruppo FAI Francisco Ferrer di Chiaravalle, Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri”. Oltre a Fancello Daniele, Fancello Luciano, Cesini Rosalba, Priori Sabrina, Ero Giuliodori, Alberici Antonino, Clementi Beatrice, Vignola Irene, Contardi Carmen, Lucarini Giorgio, Andrea Dignani, Bezzeccheri Lucia, santoni Raffaella. Aggiornamento adesioni: Orlando editore, Gabriele Fava, Rolando Priori, Santoni Laura, Tonelli Stefano, Torelli Anna, Massimo Fiordelmondo, Marchegiani Manuela, Baccani Marco, Tonini Cardinali Fabrizio, Frattini Chiara, Casavecchia Patrizia, Ausili Annamaria, Giannini Gianni, Serpilli Serena, Violini Tiziana, Bini Palmiro, Bucciarelli Raffaele, Chiara Zepponi, Silvia Cherubini, Germano Osimani, Stefano Osimani, Leonardo Lasca, Sardella Mario, Chiatti Vincenzina, Galanti Luce,Bavaro Silvia, Uncini Liliana.

«La Lega si presenta a Jesi sollevando la questione della sanità. Quale? – proseguono i firmatari dell’appello -. Quella della Lombardia che ha rischiato il collasso grazie alle scelte politiche della Lega, ed invece ha salvato la vita a migliaia di persone grazie alla competenze e al lavoro e al coraggio di migliaia di lavoratori. Il modello della sanità di Maroni e Formigoni, è stato, in primo luogo, bocciato dagli stessi lombardi, e poi dall’urgenza della pandemia, in cui si sono viste tutte le capacità e le competenze in possesso degli amministratori leghisti. Il welfare della Lega discrimina e nega l’assistenza ai più bisognosi, come a Lodi, a Como. C’è qualcosa di cristiano in questo? Di italica virtù o di libertà liberali tutelate? Il prossimo 14 settembre Salvini a Jesi avrà il suo pubblico, quello dei facili applausi raccattati nei teatri perduti di provincia, che si alimenta della politica dell’odio, dei capri espiatori, delle fake news, delle dichiarazioni fatte e smentite e rifatte nell’arco di pochi giorni. Ricordate? Riaprire, chiudere, riaprire, chiudere. Salvini sarà in piazza in mezzo alla gente, senza distanziamento sociale e senza mascherina, proprio il giorno della riapertura delle scuole, in barba alla scienza e alle istituzioni. Chi porta avanti la baracca, chi lavora per poche centinaia di euro al mese, chi spera che vada tutto bene, forse voterà anche il Matteo padano, per disperazione, ma non ha tempo né di seguirlo nelle sue piazzate, né di seguirlo mai più quando si accorgerà che le cose, grazie a lui, possono solo peggiorare».

A Jesi, concludono, «Salvini fa la sua comparsata, noi ci viviamo e ci lottiamo da sempre, per costruire una società migliore, più giusta».