Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

A Maiolati Spontini assembramenti, bivacchi e maleducazione: da oggi parchi chiusi – VIDEO

L'ordinanza disposta dal sindaco Tiziano Consoli scatta alla mezzanotte di oggi e prevede il divieto di accesso dalle ore 20 alle 7 nelle aree verdi comunali

Il sindaco di Maiolati Tiziano Consoli durante il videomessaggio

Il messaggio del primo cittadino arriva dal canale youtube, ma non lascia certo spazio a libere interpretazioni: a causa dell’assembramento incontrollato dei ragazzi nei parchi fino a tarda notte e del comportamento maleducato e scorretto che crea disturbo alla quiete pubblica, da oggi si chiude.

Scatta infatti nella giornata di oggi l’ordinanza con cui il sindaco di Maiolati Spontini Tiziano Consoli chiude i parchi pubblici nelle aree comunali dalle ore 20 di ogni sera alle 7. L’ordinanza scatta alla mezzanotte di oggi.

«Il provvedimento vuole evitare l’assembramento incontrollato di ragazzi e giovani nei parchi fino a tarda notte, che bivaccano, si assembrano senza rispettare distanziamenti, senza l’uso di mascherine e creano disturbo alla quiete pubblica, ed evitare che queste situazioni possano creare futuri casi di positività al Covid19», dice il sindaco Consoli nel suo messaggio, con cui invita le famiglie a responsabilizzare i propri figli per mantenere atteggiamenti adeguati al momento che stiamo vivendo.

«Oltretutto nei giorni scorsi è accaduto un episodio paradossale nel quale alcuni giovani hanno attaccato persone di una certa età che li rimproveravano per l’eccesso di caos e confusione, atteggiamenti che non possiamo tollerare».

Oltre a rendere nota l’ordinanza di pubblica sicurezza, il primo cittadino aggiorna sui dati riguardanti proprio la situazione Covid19 nel territorio comunale, dove ad oggi vi sono 5 casi positivi e 11 quarantene fiduciarie, sono casi isolati e non ci sono focolai. Nessun caso si è registrato finora nelle scuole, le autorità scolastiche applicano costanti controlli.

«La situazione è in miglioramento rispetto ai dati precedentemente comunicati (11 casi e 31 quarantene fiduciarie), c’è maggior rispetto del distanziamento sociale, maggior responsabilità e senso civico. Tuttavia l’allerta è alta. Attenderemo le norme varate dal Governo, il dispositivo regionale prevede l’uso della mascherina anche all’esterno, pertanto richiamo tutte le famiglie al senso civico che va riconfermato in questi mesi, specialmente da parte dei ragazzi».

Pertanto il sindaco invita la popolazione al rispetto delle regole, ad evitare assembramenti e all’uso dei dispositivi di protezione individuale, come previsto dal decreto regionale.