Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

L’Hotel Federico II ospita “La cultura vien viaggiando”

Quattro incontri all'hotel Federico II di Jesi per parlare di viaggi e viaggiatori. L'iniziativa a cura del Centro Turistico Giovanile vanta il patrocinio del comune e la collaborazione di Esitur

La presentazione dell'iniziativa, la cultura vien viaggiando
La presentazione dell'iniziativa, la cultura vien viaggiando

JESI – Torna l’appuntamento con “La cultura vien viaggiando”, rassega dedicata alle esperienze di viaggio organizzata dal Centro Turistico Giovanile (CTG) “Vallesina” di Jesi.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina dall’assessore alla cultura Luca Butini, Daniele Crognaletti per Esitur tour operator e Simona Marini per la Fondazione Pergolesi Spontini. L’appuntamento è ogni venerdì a partire dal prossimo 3 novembre, fino al 24, alle 21.15 nell’auditorium dell’Hotel Federico II. «Si tratta di quattro incontri dedicati ad altrettanti viaggi – ha spiegato Maurizio Gualdoni del CTG – Racconti di viaggi con l’ausilio delle immagini per guidare i partecipanti in un percorso ricco di emozioni».

Novità di quest’anno la partnership con il Museo Federico II Stupor Mundi e la Fondazione Pergolesi Spontini che a serate alterne proietteranno uno spot e metteranno a disposizione dei partecipanti buoni sconto per visitare il Museo e riduzioni per “Caffè Opera” uno spettacolo di circopera che mette insieme il linguaggio del melodramma e quello del circo, in collaborazione con Circo El Grito.

Il calendario nello specifico: venerdì 3 novembre il via con Siria e Giordania a cura di Paola Ceccarelli e Mirko Bonci, il 10 novembre “che fine ha fato Moby Dick” con Catia Montesi, venerdì 17 novembre “Bolivia zaino in spalla” a cura di Luca Bellagamba e l’ultimo appuntamento il 24 novembre è con “Una donna e i suoi colori ai Caraibi” con Barbara Filonzi e Sonia Camagni. Il 16 dicembre l’iniziativa è in trasferta a San Severino Marche dove il Centro Turistico Giovanile “Vallesina” ha lanciato l’iniziativa benefica denominata “La Valigetta Viaggiante”, per la ricostruzione del cinema San Paolo.