Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

La dea bendata di via Gallodoro

Ancora una vincita nella ricevitoria Paoloni di via Gallodoro a Jesi. «La verità è che vendiamo tanti gratta e vinci, ma è anche merito della buona stella che ci assiste», commenta il titolare

Luigi Paoloni, il proprietario del bar-ricevitoria di via Gallodoro a Jesi

JESI – La dea bendata torna a baciare la ricevitoria di Luigi Paoloni. Ancora una volta. È di nuovo un gratta e vinci a far felice qualcuno nel bar di via Gallodoro. Ieri pomeriggio, un cliente abituale si è portato a casa 10 mila euro con il megamiliardario (costo 10 euro). Negli ultimi quattro mesi, racconta Paoloni, un passato da comico nel Bagaglino di Roma al fianco di Oreste Lionello, Pippo Franco e Leo Gullotta, sono stati vinti, solo considerando le grosse vincite, circa 200 mila euro. «La verità è che ne vendiamo tanti di gratta e vinci – rivela Paoloni -, ma credo sia anche un po’ merito di una buona stella che ci assiste».

Tantissimi gli aneddoti raccontati dal titolare, che gestisce la ricevitoria assieme a tutta la famiglia (a volte ci dorme anche per timore dei ladri). «Registriamo settimanalmente vincite da 500, 1000 euro», evidenzia sempre Paoloni, che ricorda con piacere quanto accaduto tre anni fa, quando uno jesino di 45 anni, cliente abituale, si è aggiudicato 300mila euro con un gratta e vinci da 3 euro. C’è stata pure una donna che, nel medesimo bar, rovistava fra i gratta e vinci gettati nella spazzatura alla ricerca di premi non ritirati, in modo da non prostituirsi. E quando non ha più trovato il sacco dei rifiuti al suo posto, si è appellata direttamente alla famiglia Paoloni, con una lettera anonima lasciata sul tavolino, affinché tornassero ad utilizzare il cassonetto.