Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

JesiClean torna nei parchi per ripulirli dai rifiuti

Secondo appuntamento promosso dai nove ventenni che hanno deciso di impegnarsi per rendere la città più bella e accogliente, senza più rifiuti

JESI – È tutto pronto per il secondo evento firmato JesiClean. Visto il grande successo riscontrato in occasione della prima iniziativa, i nove ventenni della città hanno deciso di tornare a pulire i parchi. Il punto di ritrovo è fissato sul prato davanti l’ingresso principale del palazzetto dello sport, oggi pomeriggio (30 maggio) alle ore 15. La zona permetterà di evitare un assembramento iniziale.

Per partecipare è necessario scaricare un modulo di esenzione da ogni tipo di responsabilità dalla pagina Instagram o Facebook del gruppo. Una volta compilato, va inviato a jesiclean@gmail.com oppure consegnato ai responsabili dell’associazione il giorno dell’evento. I promotori forniranno l’occorrente per la raccolta, offerto dal Comune di Jesi. A disposizione anche 100 bastoni per raccogliere rifiuti. L’iniziativa si svolgerà in totale sicurezza seguendo le norme anti contagio: obbligo di mascherina, distanziamento sociale e divieto di assembramenti.

Giacomo Mosca, Manuel Garofoli, Francesco Sebastianelli, Rebecca Mosca, Maria Sole Belardinelli, Jacopo Bartolucci, Jacopo Montori, Alessandro Scolpati, Natasha Coacci. Sono i nove componenti di JesiClean, associazione culturale no-profit che si occupa di tenere pulita la città, sensibilizzando le persone al rispetto dell’ambiente.Sono tutti neo-diplomati.

Un’associazione nataai giardini pubblici di viale Cavallotti. «Vedendo troppi rifiuti in un parco ampiamente frequentato, in cui passiamo tanto tempo – racconta il presidente e promotore di Jesi Clean, Giacomo Mosca -, ho coinvolto alcuni amici con l’obiettivo di rendere Jesi un luogo più pulito. Nel giro di qualche mese, da una semplice idea, il gruppo è diventato associazione culturale e ricreativa, naturalmente no-profit, con lo scopo, oltre di ripulire piazze, parchi e strade della città, anche di sensibilizzare la cittadinanza riguardo al rispetto e la cura dell’ambiente, fondamentali al giorno d’oggi».