Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, la Tombola di San Settimio 2020 in diretta online: ecco come

Illustrate in Comune le modalità dagli organizzatori Avis e Aido: Piazza della Repubblica vuota, l'estrazione dei numeri dalle Sale Pergolesi il 22 settembre potrà essere seguita su Facebook. Cartelle in vendita in centro

Da sinistra Bruno Baiardi (Aido), l'assessora Luca Butini, Bruno Dottori e Maria Letizia Gianuario (Avis)

JESI – La prima volta on line della Tombola di San Settimio: il prossimo 22 settembre Piazza della Repubblica sarà – come inevitabile in tempi di Covid da tenere sotto controllo – vuota ma dalle 20,30 l’estrazione dei numeri vincitori dei classici tre premi (3 mila, 2 mila, mille euro) potrà essere seguita in diretta web sulla pagina Facebook dell’Avis di Jesi, organizzatrice insieme ad Aido della manifestazione. Per segnalare la vincita, la si dovrà tempestivamente comunicare scrivendo nei commenti alla diretta la parola “tombola” e il numero della cartella. Dopo la verifica, il contatto diretto da parte degli organizzatori per concordare le modalità di ritiro del premio. Le cartelle – 2,50 euro l’una- da lunedì prossimo 7 settembre fino al limite tassativo delle 19,45 del 22 settembre, giorno di San Settimio, saranno invece vendute con le consuete modalità, ai banchi dislocati lungo Corso Matteotti e in tutto il centro storico.

Tombola di San Settimio 2020, edizione on line

«Vogliamo poter presto tornare a quella piazza piena- dice Bruno Dottori, presidente di Avis Jesi, affiancato da Bruno Baiardi per Aido– ma intanto la tombola, evento unico per le sue proporzioni in Italia, dopo essere nata ai primi del Novecento nelle piazze dei canapini e del Prato e dopo essere passata in Piazza della Repubblica, arriva ora sulla piazza virtuale».

Da sinistra Graziano “Figaro” Fabrizi, Bruno Baiardi (Aido), l’assessora Luca Butini, Bruno Dottori (Avis)

L’estrazione si svolgerà fisicamente nelle Sale Pergolesiane del Teatro Pergolesi, a condurla ancora la verve di Graziano “Figaro” Fabrizi. Mantenuto il rituale: il bussolotto, la tromba, l’estrazione da parte di un bambino. Cambia, almeno per quest’anno, il rito collettivo. «Un mutamento reso possibile dalla tecnologica e spinto dalla necessità- dice l’assessore alla cultura Luca Butini– ma non un adattamento alla situazione, piuttosto un passo avanti per una tradizione che era importante mantenere, per il suo grande valore simbolico per la comunità, e che ora diventa potenzialmente fruibile da tutto il mondo». Dal prossimo anno, sperando di poter tornare al classico svolgimento “in presenza” e non virtuale, si penserà anche alla vendita on line di almeno una quota delle cartelle. Quest’anno, nell’incertezza fino a non molto tempo fa sul se proporre o meno la tombola 2020, non ci si è potuti organizzare.

Piazza della Repubblica sold out per la tradizionale tombola di San Settimio
Una immagine di Piazza della Repubblica in occasione delle edizioni degli anni passati della Tombola di San Settimio

Con Dottori e Baiardi, anche i consiglieri Avis Mario Argentati e Maria Letizia Gianuario. «Grazie al Comune per averci spinto a provare comunque e grazie alla Fondazione Pergolesi Spontini per il supporto- dice Dottori- siamo stati a lungo incerti ma poi ci è stato ricordato come la tombola di San Settimio si sia comunque svolta persino durante la Seconda Guerra Mondiale, mentre sopra la città passavano gli aerei e anche appena un paio di mesi dopo la Liberazione di Jesi. Non farla quest’anno sarebbe stato un peccato».