Jesi, taglio del nastro per il centro regionale dell’autismo

Sarà la prima struttura nelle Marche per la gestione di tale patologie e verrà gestita dall'Azienda Pubblica Servizi alla Persona. È ubicato in via Roncaglia

Il centro per l'autismo Azzaruolo di Jesi
Il centro per l'autismo Azzeruolo di Jesi

JESI – Aprirà ufficialmente il prossimo 9 marzo il primo centro regionale per l’autismo. Sarà ubicato a Jesi, in via Roncaglia, e all’inaugurazione parteciperà anche il presidente regionale, Luca Ceriscioli. «Un altro straordinario risultato in risposta alle esigenze dei soggetti più fragili», osserva il sindaco Massimo Bacci.

Sarà l’Azienda Pubblica Servizi alla Persona a gestirlo. I costi saranno a carico della regione, che già ha parzialmente finanziato la ristrutturazione dello stabile ubicato nella campagna jesina (il resto è stato coperto da risorse comunali).

La struttura residenziale e semiresidenziale, che inizialmente conterà otto posti letto, verrà ampliata fino a venti posti. Al termine dei primi otto mesi di sperimentazione, l’Asur ne rendiconterà gli esiti così da acquisire le informazioni necessarie per la definizione degli standard più consoni per l’assistenza di questa tipologia di utenza.

«Con questo progetto sperimentale parte l’esperienza del Centro Azzeruolo – ha avuto modo di spiegare l’assessore Maria Luisa Quaglieri – Trascorsi i tempi tecnici il Centro sarà aperto andando a rispondere alle esigenze delineate dalle famiglie che si trovano in grande difficoltà. Sono contenta che la Regione ci abbia ascoltato, questo Centro era tra le priorità di questa Giunta».