Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Spostamento edicola di Piazza Pergolesi, i proprietari dopo l’incontro in Comune: «Allo studio un’altra soluzione»

Le parti si sono viste nel primo pomeriggio di oggi, 24 gennaio. «Il sindaco Bacci è stato molto comprensivo e ha annunciato che si sta lavorando a un'altra soluzione. Noi abbiamo ribadito la nostra volontà di sistemarci a fianco della chiesa di San Nicolò», dice Andrea Belegni. A breve un altro summit

Andrea Belegni e Paolo Tomassetti
Andrea Belegni e Paolo Tomassetti in procinto di recarsi all'incontro in Comune

JESI – Sembra essere tramontata l’idea di spostare l’edicola di Piazza Pergolesi a ridosso dell’entrata della Corte Bettini, come si evinceva dalla delibera di Giunta dei giorni scorsi.

Oggi, infatti, 24 gennaio, in Sala Giunta, c’è stato l’incontro, alle 13.15, tra i proprietari del chiosco, Andrea Belegni e Paolo Tomassetti – che avevano avversato quella soluzione temporanea in vista dei lavori di restyling – e il sindaco Massimo Bacci insieme al quale c’erano anche l’assessore ai Lavori Pubblici, Roberto Renzi, la dirigente dell’Area Servizi Tecnici, Francesca Sorbatti, il dirigente dell’Area Servizi alle Imprese e al Cittadino, Mauro Torelli.

In attesa di entrare in Sala Giunta
In attesa di entrare in Sala Giunta

Un’ora, sino alle 14.15, per parlarsi, per affrontare e cercare di risolvere un problema che, come è noto, ha innescato anche la petizione popolare contro lo spostamento promossa dall’imprenditore Andrea Pieralisi, il quale a sua volta è stato convocato per lunedì 29 gennaio a mezzogiorno.

«Ci rivedremo ancora, nel giro di qualche giorno – spiega Andrea Belegni -, in Comune  stanno studiando un’altra soluzione che ancora non sappiamo quale sia. Noi abbiamo ribadito la nostra posizione, vale a dire il “no” all’arretramento verso Corte Bettini dove saremmo destinati a sparire alla vista».

Chiesa di San Nicolò
La collocazione proposta dai proprietari del chiosco, di fianco alla chiesa di San Nicolò

Ma un passo in avanti sembra essere stato fatto perché «il Sindaco specialmente è stato molto comprensivo. Speriamo che la concessione sino al 2020 riguardi un posto qui vicino, anche se fuori dalla piazza. Noi abbiamo proposto ancora che il chiosco sia sistemato di fianco alla chiesa di San Nicolò. Comunque, rispetto alle altre volte, siamo usciti soddisfatti dall’incontro, abbiamo notato una maggiore apertura nei confronti delle nostre esigenze. Vedremo che sviluppi ci saranno».