Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Una siringa al Parco del Vallato di Jesi, residenti preoccupati

È il presidente del Comitato Parco del Vallato a lanciare l'allarme sui social dopo il ritrovamento, sabato scorso, della parte interna di un ago cannula nell'area verde jesina: «Grazie per il vostro menefreghismo»

Il Parco del Vallato, residenti esasperati
Il Parco del Vallato, residenti esasperati

JESI – Ha affidato al popolare social network le sue preoccupazioni dopo aver trovato una siringa al Parco del Vallato. Il post di Damiano Paoletti si riferisce al ritrovamento della siringa avvenuto nel tardo pomeriggio di sabato.

Residente in zona e presidente del Comitato Parco del Vallato, Paoletti lancia l’allarme e scrive: «E ce l’abbiamo fatta, finalmente ci siamo riusciti. Da tempo lo dicevamo, da tempo avevamo fatto presente che qualcosa non andava, da tempo chiediamo le telecamere ma niente da fare. Prima o poi accadrà che qualcuno verrà ricoverato in overdose, e speriamo non accada di peggio».

Il Comitato con lo stesso Paoletti ha più volte segnalato episodi al Parco del Vallato: «Ora spiegatelo voi ai genitori dei ragazzini che frequentano il parco cosa rischiano, spiegatelo voi ai genitori delle ragazzine che frequentano il parco cosa rischiano (già segnalati casi di donne infastidite e importunate). Ora i danni di dieci quindici teppistelli passano in secondo piano: nessuno ha mai notato pacchetti di tabacco vuoti, carte stagnole appallottolate, bottiglie di birra, vino e liquori di ogni genere? Ora questa siringa vi basta? Sabato, tardo pomeriggio. Grazie per il vostro menefreghismo».

Un infermiere jesino che abita in zona precisa: «È il mandrino, cioè la parte interna, di un ago cannula. Che si mette solo in ospedale e che dovrebbe essere eliminato come rifiuto speciale».