Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, ruspe in arrivo al vecchio ospedale di viale della Vittoria

L'Asur sta predisponendo la documentazione per la consegna dei lavori, prevista entro pochissimi giorni. Al via la demolizione del nosocomio

L'ospedale di Jesi di viale della Vittoria
L'ospedale di Jesi di viale della Vittoria

JESI – Demolizione vecchio ospedale del Viale, al via i lavori. Ci siamo. Nei primissimi giorni della prossima settimana, l’Asur Marche procederà alla consegna formale dell’appalto, che richiederà circa nove mesi per essere completato. Se ne occuperà un raggruppamento temporaneo di imprese che coinvolge un soggetto locale – la Mariotti Costruzioni di Serra de’ Conti – e la romana Edil Moter. Con il ribasso in fase di gara, l’intervento è stato aggiudicato per un importo di poco più di 755mila euro.

A finanziare l’abbattimento saranno l’Asur e, in proporzione al suo 12,10% di proprietà, il Comune di Jesi. Ruspe in azione lungo viale della Vittoria, appunto, con riferimento anche alla palazzina dell’ex obitorio. L’oggetto dell’appalto comprende opere di bonifica, abbattimento controllato dei fabbricati, sistemazione delle aree e il ripristino di una porzione del retro del fabbricato storico attestato su Corso Matteotti, che verrà eseguito dopo l’abbattimento del corpo che collega il vecchio Fatebenefratelli, vincolato dalla Soprintendenza. Già svolte le operazioni propedeutiche quali la rimozione di attrezzatture e suppellettili, i macchinari dismessi e l’eliminazione di amianto.

Il divieto di sosta in prossimità della struttura da demolire è già in vigore, mentre non è ancora stabilito il futuro dell’area. Sorgerà di sicuro un parcheggio a servizio del centro storico, ma il piano di recupero è in fase di rivisitazione, anche in considerazione del mercato immobiliare odierno. Probabile, insomma, che la zona resti libera da edifici per lungo tempo, a meno che la regione individui una nuova destinazione al perimetro di proprietà. Erano programmati appartamenti e uffici, oltre a locali per il terziario, sui quali difficilmente si potranno trovare investitori.