Continuano i vantaggi Citroen
Continuano i vantaggi Citroen
Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi, Fabriano

Garden Europa Azienda Florovivaistica
Garden Europa Azienda Florovivaistica

Jesi, Rudi Curzi è il nuovo presidente della Consulta del Turismo: «Fare conoscere il territorio in tutte le sue potenzialità»

Dell’organismo fanno parte anche l’assessore Alessandro Tesei, i consiglieri Maurizio Bregallini e Francesco Rossetti, componenti designati da associazioni di categoria, organizzazioni, consorzi, enti di promozione e operatori

Rudi Curzi, nuovo presidente della Consulta del Turismo di Jesi
GIOMOD SHOE FASHION

JESI – Rudi Curzi è il nuovo presidente della Consulta del Turismo. Nominato dal sindaco Lorenzo Fiordelmondo, guiderà l’organismo di cui fanno parte anche l’assessore al turismo Alessandro Tesei, un consigliere di maggioranza (Maurizio Bregallini), uno di minoranza (Francesco Rossetti) e una ventina di componenti designati dalle associazioni di categoria, organizzazioni, consorzi ed enti di promozione turistica ed operatori turistici.

«L’impegno a sviluppare la valorizzazione della promozione turistica del territorio – ha sottolineato Curzi – passa attraverso la costruzione di un processo di comunicazione verso il mercato. Ritengo che la valorizzazione del territorio sia un concetto complesso, spesso abusato nel turismo, che deve partire necessariamente da una conoscenza profonda della realtà che abbiamo intorno. Quindi il nostro lavoro deve essere quello di far conoscere l’insieme di una comunità, la sua cultura, le sue tradizioni, gli usi ed i costumi, le arti, le esperienze, la gastronomia, gli stili di vita, insomma quello che rappresenta il territorio nella sua realtà, nella sua totalità, nella sua essenza».

«Non va perso di vista, da ultimo – ha concluso – che lo sviluppo del turismo passa anche attraverso la formazione degli operatori del settore. Per questo occorre lavorare in sinergia con il territorio e con gli altri settori, cultura in primis, per elaborare un calendario di eventi che copra il più possibile tutto l’arco dell’anno, evitando così periodi morti».

© riproduzione riservata