Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi si risveglia bianca di neve

Azzeccate le previsioni meteo. La città ha riaperto gli occhi ricoperta dal manto nevoso. Pochi i disagi in città, a differenza delle campagne e dei paesi più alti della Vallesina

L'Asur di via Guerri a Jesi

JESI – La città si è risvegliata bianca. Prima neve anche a Jesi, questa notte. Pochi, per fortuna, i disagi all’interno del nucleo urbano, dove il manto nevoso si sta già sciogliendo sulla carreggiata, a differenza delle zone di campagna e dei paesi della Vallesina, con particolare riferimento a quelli collocati più in alto. Scuole chiuse a Staffolo, Cupramontana, Monte Roberto, Castelbellino e San Paolo di Jesi e altri Comuni, molto probabilmente, si aggiungeranno a breve, successivamente ai sopralluoghi da parte dei tecnici municipali. A Jesi, invece, le scuole restano aperte.

Alle prime luci dell’alba i vigili del fuoco sono intervenuti sulla strada tra Jesi e Monsano, tra l’hotel Federico II e la concessionaria Opel, perché la neve aveva appesantito i rami degli alberi rendendo impossibile per le auto percorrere la carreggiata. La strada è ancora chiusa per consentire il ripristino della normale circolazione. Operai del Comune al lavoro a San Giuseppe, nel giardino della scuola elementare e della biblioteca per segare dei rami che si erano spezzati. Problemi alla circolazione anche in via Agraria causati dalla caduta di rami dagli alberi sotto il peso della neve.