Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, prezzi su per i lavori pubblici: 1,7 milioni per l’ex Tribunale

Aggiornate le previsioni per alcuni interventi alla luce dei generali rincari e in vista della richiesta di contributi. Per la primaria Collodi si aggiunge l'efficientamento energetico, rivisto il programma per i cimiteri

Palazzo Carotti a Jesi, ex sede del tribunale

JESI – «In considerazione delle sopravvenute e note condizioni di mercato relativamente all’esecuzione dei lavori, nonché per l’approvvigionamento dei materiali che hanno determinato un innalzamento dei prezzi di lavorazioni e materiali stessi, occorre procedere ad un adeguamento dell’importo dei lavori». Lo spiega la Giunta comunale di Jesi nell’aggiornare le previsioni di spesa per alcuni interventi del Piano delle opere pubbliche da presentare al Ministero dell’Interno per la richiesta di contributi.

Occorrono un milione e 770mila euro e non più 500mila euro per Palazzo Carotti, ex sede del tribunale: consolidamento del tetto dell’ex, completamento dell’impianto antincendio e collegamento con fibre ottiche, al fine di poter ripristinare l’uso di un’ala dell’immobile altrimenti non praticabile.

Per la primaria Collodi, si stimano necessari 2 milioni e 550mila euro: all’intervento di adeguamento sismico, si aggiunge l’efficientamento energetico.

Per la manutenzione straordinaria dei cimiteri cittadini, al Ministero sottoposti progetti da 400mila euro per la parte moderna del cimitero Santa Lucia e da 350mila per i rurali di Tabano e di Santa Maria del Colle.

Per il cimitero di Mazzangrugno, «rispetto alla situazione valutata nel 2020 – spiega l’amministrazione – è stato necessario provvedere ad una messa in sicurezza di una stringa di loculi interessati ad un peggioramento dello stato della muratura perimetrale. Pertanto per tale struttura occorrerà procedere ad un ulteriore e separato approfondimento, per valutare le opzioni più adatte al ripristino della funzionalità. Gli interventi saranno prioritariamente destinati al cimitero di Tabano e di Santa Maria del Colle».