Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, un parcheggio in via Mastella per l’ascensore ex Carceri?

L'idea torna in auge, predisposto un progetto da 170 mila euro di lavori per 60 stalli. Si pensa ad un’area di circa 2 mila metri quadrati: «Si dovrà procedere all’acquisizione da parte degli attuali proprietari e alla demolizione degli edifici presenti»

Ascensore Carcerette
L'impianto di risalita delle Carcerette e il palazzo dove si svolgono i lavori

JESI – Un nuovo parcheggio pubblico in via Mastella, che dia “senso” al discusso ascensore delle ex Carceri. L’idea torna in voga e gli uffici comunali hanno predisposto in merito un progetto di massima: circa 170 mila euro per 60 posti auto nell’area compresa tra via Garibaldi, via Setificio e appunto via Mastella.

«La realizzazione di un parcheggio in tale contesto – si legge nel progetto– trova motivazione nell’opportunità di creare posti auto in prossimità del centro cittadino. In particolare il parcheggio di cui si tratta dista pochi metri dall’impianto di risalita delle Carcerette in fase di attivazione, attraverso il quale sarebbe facilmente raggiungibile il complesso di Palazzo Carotti (ex sede del tribunale), relativamente al quale sono in corso valutazioni circa i possibili insediamenti di uffici pubblici o servizi».

L’ascensore, completato nel 2011, non è mai stato messo in funzione dalla amministrazione Bacci subentrata alle precedenti che ne avevano avviato il progetto. Peraltro l’area delle ex Carceri sconta proprio il ritardo del mai completato recupero abitativo di queste ultime, progetto Erap ancora non condotta a termine rispetto alla prima scadenza del 2014.

Per il parcheggio di via Mastella si pensa ad un’area di circa 2 mila metri quadrati: «Al fine della realizzazione si dovrà procedere all’acquisizione della relativa area da parte degli attuali proprietari e alla demolizione degli edifici presenti. In base al piano regolatore l’area è attualmente destinata a parcheggio». Stimati in totale costi per circa 255 mila euro: ai 170 mila fra lavori (130 mila) e demolizioni (40 mila), se ne aggiungono 85 mila per le acquisizioni.