Carlo Urbani, il dono della Croce Rossa di Jesi per i piccoli di Pediatria

«Un grazie ad una realtà che ci è da sempre, tradizionalmente, tanto vicina» dice la dottoressa Antonella Bonucci, primaria del reparto. L'impegno della famiglia Filonzi per la nuova carrozzina, in ricordo di "Stè"

I volontari della Cri di Jesi e, al centro, Paolo Filonzi e Doranna Greganti, con la carrozzina donata alla Pediatria di Jesi

JESI – «Un grazie alla Croce Rossa che ci è da sempre, tradizionalmente, tanto vicina». Così la dottoressa Antonella Bonucci, primaria del reparto, nel ricevere da parte di vertici e volontari del comitato della Croce Rossa Italiana di Jesi e dai coniugi Paolo Filonzi e Doranna Greganti la nuova apprezzata donazione all’Unità Operativa di Pediatria e Neonatologia dell’Ospedale Carlo Urbani di Jesi: una carrozzina pediatrica per disabili ad autospinta per il trasporto dei piccoli pazienti. Un gesto di grande generosità nei confronti dei bambini che si trovano a dover affrontare la malattia.

La carrozzina donata alla Pediatria di Jesi

Presenti il presidente della Cri di Jesi Francesco Bravi e il vice presidente Cristiano Giaccaglia, la cerimonia si svolge nella ludoteca per i bimbi allestita all’interno del reparto. «La Croce Rossa – ha ricordato il dottor Bravi – sin dal 1983, prima nel vecchio ospedale e ora all’Urbani, presta servizio con i suoi volontari nella ludoteca, vicina ai piccoli. Con la Pediatria c’è un rapporto speciale». Prestano oggi, 24 maggio, la loro opera in questo senso le volontarie Renata Manoni e Maria Luisa Gagliardini. «Un dono importante per noi e per i piccoli pazienti questa carrozzina, che ne agevolerà gli spostamenti all’interno dell’ospedale» ha detto la dottoressa Bonucci.

Con i volontari Cri, particolarmente impegnata per la donazione, in ricordo di Stefano “Stè” Filonzi, la famiglia Filonzi.