Ospedale Carlo Urbani, multe anche ai donatori di sangue

Le Avis della Vallesina, attraverso il coordinatore Bruno Dottori, chiedono parcheggi riservati per coloro che svolgono l'importante servizio a beneficio della comunità

Ospedale Carlo Urbani
Ospedale Carlo Urbani, Jesi

JESI – Parcheggio dell’ospedale Carlo Urbani, l’Avis chiede di tutelare i donatori. Bruno Dottori, coordinatore dell’associazione, riferisce infatti che sono già fioccate multe a carico di molti associati mentre stavano donando il sangue a beneficio della comunità.

«Dal giorno dell’inaugurazione dell’ospedale Carlo Urbani – spiega Dottori a nome delle Avis comunali della Vallesina – stiamo ponendo il problema dei parcheggi riservati ai donatori. I posti riservati a turnisti e donatori, situati tra l’ingresso 3 e l’ingresso 4, sono sempre occupati da altri e questo alla luce del fatto che il parcheggio del Carlo Urbani è totalmente insufficiente per l’utenza e per chi in ospedale ci lavora. In altri ospedali della Regione i posti riservati sono un fatto concreto. Molti visitatori, donatori e dipendenti sono costretti a parcheggiare in Piazza Vesalio o al parcheggio del bocciodromo. Auspichiamo al più presto una soluzione poiché è inconcepibile che un volontario donatore che si reca a donare il sangue, svolgendo un’azione importantissima per la collettività, prenda una multa come purtroppo accade di frequente. Vogliamo ricordare che i donatori vengono da tutta la Vallesina, comprese Cingoli e Apiro».

L’amministrazione comunale sta lavorando con l’Asur Marche, proprietaria dell’area, al fine di ampliare l’area di sosta a servizio del Carlo Urbani.