Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, nuovi parcheggi a pagamento: l’opposizione incalza

Per il centrosinistra è un modo per fare cassa, mentre la Lega sostiene che i parchimetri al Mercantini andavano introdotti prima, pur essendo contraria all'ipotesi Conce

Il parcheggio delle Conce

JESI – Nuovi parchimetri in città. A fine 2021, salvo imprevisti, anche una porzione del viale della Vittoria, le Conce e il Mercantini avranno parcheggi a pagamento. Niente più stalli blu di sosta, invece, in piazza Baccio Pontelli e in cima al Montirozzo, che diventeranno aree a disposizione dei residenti del centro storico.

Andrea Binci del Pd ha tentato di far posticipare l’operazione al termine dei lavori del Corso, ma la sua mozione è stata bocciata. «Come si fa a dire che i parcheggi a pagamento aiutano i commercianti del centro in un momento come questo? – tuona l’esponente Pd -. Infatti l’unica commerciante di maggioranza si è astenuta. La nostra mozione è stata bocciata ed ora il rischio di sovrapporre lavori del Corso è parcheggi blu è molto più concreto, visto che si tratta di un cantiere molto lungo e difficile che potrebbe subire ritardi, specie in un periodo in cui la pandemia non è finita». Punto di vista analogo da parte di Jesi in Comune.

Di parere diverso, Marco Giampaoletti della Lega: «Tenendo gratuito il parcheggio Mercantini in questi anni – spiega il salviniano -, il Comune ha registrato una perdita di circa 960.000 euro. Ora decide di metterlo a pagamento, 1 euro per mezza giornata, e 2 euro per tutto il giorno. Sicuramente i cittadini sono stati contenti di avere a disposizione un’area di sosta gratis e al coperto, dove lasciare l’auto anche per lunghi periodi senza controlli, ma quello che stupisce è che questa amministrazione, che dice di essere sempre attenta, ha posticipato l’introduzione dei parchimetri rinunciando a incassi che potevano essere spesi per le manutenzioni. Ora però la priorità è correre per avviare il piano urbano di mobilità sostenibile che, dopo ben 8 anni di amministrazione Bacci, sembra finalmente vedere la luce. L’aumento dei parcheggi blu può sicuramente andar bene, ma deve essere fatto con moderazione, senza creare problemi ai cittadini e alle attività commerciali. Senza creare altre zone a pagamento che possono servire invece da parcheggi scambiatori con disco orario, come ad esempio le Conce. L’importante è controllare».