Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Nuova rotatoria all’incrocio via Ancona-via Don Battistoni, Pieralisi: «Era ora»

L'imprenditore di Jesi plaude alla decisione del Comune di realizzare una rotonda stradale per aumentare la sicurezza nel pericoloso incrocio a ridosso dell'hotel Federico II. Soddisfatto anche il collega Sandro Paradisi

Uno dei tanti incidenti all'incrocio tra via Ancona e via Battistoni
Uno dei tanti incidenti all'incrocio tra via Ancona e via Battistoni

JESI – Una rotatoria provvisoria sarà realizzata entro la primavera tra via Ancona e via Don Battistoni, uno degli incroci più pericolosi della città. Lo ha deciso la giunta Bacci, che ha approvato il progetto predisposto dall’Area Servizi Tecnici con l’obiettivo di mettere in sicurezza l’ingresso alla Zipa e, al tempo stesso, di rallentare la velocità dei veicoli in transito lungo Via Ancona.

Una decisione che l’imprenditore Andrea Pieralisi, e non solo lui, attendeva da tempo. «Era ora – dice Pieralisi -. Tutto era pronto, parlo del progetto, da quando io ero presidente del comitato territoriale Vallesina di Confindustria. L’ho chiesta in continuazione questa rotatoria, avendo assistito personalmente a numerosi incidenti, purtroppo anche mortali, ma dal Comune mi dicevano sempre che non c’erano i soldi e che doveva essere l’azienda Pieralisi a pagarla, che opera in quell’area. Finalmente si procede con questa importante opera pubblica».

L’intervento prevede un investimento di 37 mila euro. La rotatoria, essendo sperimentale, sarà disegnata con i tradizionali new jersey bianchi e rossi, mentre le corsie saranno modulate in maniera tale da imporre una riduzione della velocità. Questo comporterà anche la rimozione di parte delle aiuole esistenti, essendo la rotatoria deviata rispetto all’asse stradale proprio per evitare il lungo rettilineo. Una soluzione, quella studiata, che punta a favorire nel migliore dei modi l’attraversamento dell’incrocio, risolvendo in maniera si auspica definitiva il pericolo che oggi si presenta a chi, provenendo da Chiaravalle, si deve immettere nella zona industriale, ed a chi, uscendo dalla zona industriale, intende dirigersi verso il centro di Jesi.

«Finalmente viene introdotta questa rotatoria, è una gran bella notizia», è il commento di un altro imprenditore, Sandro Paradisi (Paradisi srl.), che tanto si è battuto per vedere realizzata questa opera pubblica, indispensabile per ridurre la velocità su questo tratto di strada e mettere in sicurezza l’insidioso incrocio.

Il carattere sperimentale dell’intervento permetterà di verificare l’efficacia della scelta in relazione ai flussi veicolari, intervenendo con i dovuti accorgimenti laddove se ne ravvisasse la necessità. Di certo i new jersey saranno in futuro destinati a lasciare il posto ad una rotatoria definitiva, e come tale inserita all’interno del redigendo piano urbano del traffico.

«Quello in Via Ancona – evidenzia l’amministrazione Bacci – sarà solo uno dei primi interventi per la sicurezza stradale e la manutenzione programmati dall’Amministrazione comunale con l’arrivo della buona stagione. In calendario, come deciso nella stessa seduta di Giunta, vi è ad esempio anche il rifacimento della segnaletica orizzontale su buona parte del territorio comunale. Previsto, in questa prima fase, uno stanziamento iniziale di 40 mila euro destinato agli attraversamenti pedonali tenuto conto che, con l’arrivo della primavera, le strade si popolano di utenti deboli, come appunto pedoni e ciclisti».