Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, sarà così la nuova piazza Federico II

Presentato il progetto dall'assessore Renzi: via l'aiuola, formelle in pietra illuminate a led e attrezzate per la multimedialità. Il sindaco Bacci: «Jesi ora è una città più bella»

L'aspetto pensato per la nuova Piazza Federico II

JESI – Duecento mila euro circa di lavori, il via nei primi mesi del 2022 – fra gennaio e febbraio- e la conclusione «confidiamo per la primavera» dice l’assessore ai lavori pubblici Roberto Renzi. Presentato il progetto della nuova Piazza Federico II, da rivedere dopo lo spostamento della fontana dei leoni. «Siamo consapevoli di aver rispettato un impegno preso nel 2012 per il centro storico che, bellissimo, non era valorizzato a dovere – dice il sindaco Massimo Bacci– l’abbiamo rivisto e, sono convinto, in meglio. Jesi ora, io credo, è una città più bella».

Il progetto della nuova Piazza Federico II

L’aspetto pensato per la nuova Piazza Federico II

Via aiuola e seduta circolare che erano state inserite in piazza Federico II con l’ultimo restyling. «L’aiuola verrà rimossa- dice Renzi- l’albero è ormai da tempo un arbusto spoglio». Resteranno le fasce in pietra bianca con l’iscrizione dedicata a Federico II e la pavimentazione attuale ma in questa saranno inserite «formelle in pietra naturale, di colore chiaro, illuminate a led e allineate secondo la direttrice del vecchio cardo romano e dell’attuale via Pergolesi, che guardano in direzione di Palazzo Balleani. Alcune di queste potranno essere rialzate per contenere a esempio gli allacci elettrici per manifestazioni e eventi, attraverso altre sarà possibile la lettura di elementi multimediali che permetteranno di conoscere meglio la piazza, i palazzi che vi si affacciano, appuntamenti in programma». Saranno installati piloni dissuasori del traffico come quelli di Piazza Colocci, «vogliamo ridurre al minimo l’accesso dei veicoli» dice Renzi. Previsti anche due totem multimediali agli estremi della piazza, in acciaio corten, altri oltre tre metri. «Ma su questa proposta del progettista si deciderà in seguito, la precedenza l’avrà il resto».

Dice Bacci: «Riapertura e completamento del Teatro Moriconi coroneranno l’intervento su Piazza Federico II dove, per quanto riguarda Palazzo Balleani, è prevista un’asta per l’acquisto e mi risulta siano diversi gli interessamenti».

Exit mobile version