Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, lavori alle fermate dei bus per la sicurezza degli studenti

Approvate le schede di progetto per una serie di interventi di «manutenzione straordinaria e segnaletica integrativa». Ma non si procederà subito, perché serve modificare la viabilità

Il liceo scientifico Leonardo Da Vinci di Jesi

JESI – La questione potrebbe essere stata almeno in parte superata, dato il previsto ritorno alla didattica a distanza per una buona fetta dell’istruzione superiore. Ma intanto l’amministrazione comunale di Jesi mette mano alla programmazione di una serie di interventi di «manutenzione straordinaria e segnaletica integrativa» alle fermate degli autobus site nei dintorni delle scuole della città, ai fini del distanziamento fra studenti e della sicurezza anti-contagio.

In alcune di queste gli interventi potrebbero essere rapidi. In particolare per le fermate di via La Malfa e viale della Vittoria di riferimento per i plessi del “Cuppari”; di viale Gallodoro utilizzata dal “Mannucci”; di via Sanzio davanti al “Marconi Pieralisi”; di viale del Lavoro, a ridosso delle sedi principali del “Galilei”.

Invece, per la fermata di via King utilizzata dal Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” si è valutato di «non intervenire immediatamente, in quanto l’intervento proposto necessita di atti successivi per la modifica della viabilità e per la creazione della corsia preferenziale Bus». Qui infatti si pensa di «vietare il transito alle auto e altri mezzi in discesa all’intersezione della rotatoria e creare una corsia preferenziale solo per il trasporto pubblico locale ed extraurbano. Quindi si prevede la segnaletica orizzontale per tutta la corsia preferenziale e segnaletica verticale e tabellare relativa. Il distanziamento degli studenti alle fermate sarà garantito lungo tutto il marciapiede a lato della corsia preferenziale, concordando con il gestore del servizio orari e più fermate in base al gruppo di studenti. Si propone, nel caso specifico, di usare delle frecce direzionali per aiutare gli studenti ad una consapevole disposizione a distanza lungo i lati del marciapiede». In sostanza, l’idea è di lasciare ai soli autobus il transito diretto sulla corsia adiacente il marciapiede, dirottando tutto il resto del traffico in discesa su via King al passaggio obbligato per la soprastante rotatoria.

Intanto, ipotesi che era emersa in commissione per bocca dell’assessora Cinzia Napolitano, «è stato dato avvio al processo di “reclutamento” dei percettori del reddito di cittadinanza per utilizzare personale quale sorta di steward alle fermate dove si affollano gli studenti, con lo scopo di far rispettare distanziamenti e misure anti contagio».