Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, l’hotel Federico II “approda” in consiglio comunale

L'importante struttura ricettiva, messa in liquidazione dalla proprietà, sarà fra gli argomenti di spicco della prossima seduta consiliare. Anche i consiglieri regionali si mobilitano

L'Hotel Federico II di Jesi

JESI – Hotel Federico II in liquidazione, crescono le preoccupazioni dei lavoratori. Già programmato lunedì 28 dicembre un presidio davanti alla Regione degli oltre 50 dipendenti diretti, che temono per il proprio futuro. Una vicenda che, nel medesimo giorno, approderà anche in consiglio comunale.

«Tale grave decisione comporterebbe, dopo la iniziale sospensione della attività a causa della pandemia e della situazione generale, il rischio di una futura definitiva chiusura dell’albergo con evidenti rilevantissime conseguenze per i lavoratori della azienda e una grossa perdita per la città – spiega il consigliere di maggioranza Giancarlo Catani, che ha presentato un’interrogazione a proposito -. Sarebbe opportuno sapere se, nel frattempo, sono emersi elementi per creare nuove prospettive di ripresa della attività e lavoro per la struttura alberghiera». Sarà il sindaco Massimo Bacci a rispondere, dopo aver assicurato il suo impegno al fianco delle maestranze.

Battaglia che sta portando avanti, in regione, anche il consigliere Pd, Antonio Mastrovincenzo: «L’Hotel Federico II di Jesi, la più grande struttura ricettiva della provincia di Ancona, è stato messo in liquidazione – osserva -. Occupa 50 lavoratrici e lavoratori, cui vanno aggiunte le persone che lavorano per l’indotto e gli stagionali. Su questa nuova vertenza ho presentato una #interrogazione con cui sollecito il Presidente della Giunta regionale a convocare un tavolo di confronto per richiamare alle proprie responsabilità l’azienda e per verificare la possibilità di percorsi alternativi che permettano la salvaguardia dei posti di lavoro».

Ad oggi, non risultano interessamenti di altri gruppi alberghieri. Pare, invece, che vi siano cliniche private che potrebbero prendere in considerazione la struttura, dotata anche di una piscina e di un centro benessere.