Via Posterma chiusa, furgone della mostra del calcio “intrappolato”

Difficoltà per il Reanault Trafic sul quale sono stati trasferiti, alla chiusura, i primi cimeli. Spazi stretti, imbocco da piazza Federico II transennato, arrivo in contromano, scortato dalla Polizia Locale, a palazzo Honorati Carotti

Via Posterma
Via Posterma, difficoltà per il furgone a poter transitare sulla strettoia

JESI – Chiusa ieri la bella mostra itinerante dedicata al calcio a palazzo Honorati Carotti, in via Posterma stamattina, primo luglio, ci si doveva occupare del trasferimento dei cimeli in mostra.

Via Posterma transennata
Via Posterma transennata nel tratto iniziale da piazza Federico II

Con una difficoltà in più, però, rispetto a quando era avvenuto l’allestimento, ai primi di giugno, perché proprio l’imbocco di via Posterma era stato chiuso ieri mattina, sino all’altezza della cisterna romana, causa la caduta di un pezzo di persiana fatiscente dal vicino palazzo Baldeschi Balleani, che delimita dall’altra parte la stretta stradina.

Non potendo più entrare dal più ampio imbocco di piazza Federico II, causa la presenza del transennamento, quindi, il furgone Renault Trafic ha imboccato il percorso contromano venendo dalle “carcerette”, scortato da una pattuglia della Polizia Locale.

Via Posterma
Il furgone riesce a ripartire dopo essersi districato negli spazi angusti

Via stretta, un’auto parcheggiata vicino palazzo Carotti Honorati e per il furgone in questione non è stato semplice, poi, uscire da quell’imbuto che è via Posterma. Tanto che in due hanno tentanto di sospingere più avanti di qualche centimetro, a forza di braccia, riuscendoci alla fine, l’auto che ingombrava la manovra.

E non è finita. Perché domani si dovrà completare il trasferimento – la mostra si trasferisce a Venezia – e sarà ancora un’altra lotta contro spazi troppo stretti.