Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, fontana dei Leoni. Il Comune: «Convinti della scelta»

L'amministrazione commenta il pronunciamento del Tar Marche, che ha respinto il ricorso del comitato Piazzalibera. «Clima di astio sui social che ha innescato una campagna d'odio»

Piazza della Repubblica con la fontana dei Leoni

JESI – Il Tar Marche dà ragione al Comune sulla fontana dei Leoni. A segnalarlo è stato il comitato Piazzalibera che si è battuto contro lo spostamento del monumento. Pronunciamento che viene positivamente accolto dall’amministrazione Bacci: «Confermata la piena correttezza dell’operato del Comune di Jesi, nel rispetto delle disposizioni di legge e del dettato costituzionale che sancisce in campo agli organi eletti democraticamente dai cittadini il compito di governo del territorio».

«Vi era assoluta sicurezza – evidenzia la giunta – che il responso dell’organo di giustizia amministrativa fosse favorevole alla linea del Comune di Jesi, perché era evidente fin dal primo momento che la materia non poteva essere in alcun
modo di oggetto referendario. L’Amministrazione comunale apprezza i toni utilizzati oggi dal Comitato promotore del referendum decisamente più sereni rispetto al passato. Lo riteniamo un passo in avanti importante. Ciò non toglie che non possono essere persi di vista due aspetti:non era certo apartitico, come pretende di definirsi, un Comitato in cui erano presenti il segretario del Pd, due capogruppo di liste di opposizione come il Movimento 5 Stelle e l’ex esponente di Insieme Civico e un ben noto rappresentante di Jesi in Comune, vale a dire la quasi totalità della minoranza presente oggi in Consiglio comunale».

Quindi, l’altro aspetto. «Il clima di astio innescato sui social per questa vicenda da parte di una pagina Facebook che ha affiancato il Comitato, ha generato una campagna di odio che stride profondamente con la storia democratica di questa città, non riuscendo a mettere il freno a quanti, certamente vivendo una profonda frustrazione personale dovuta anche agli effetti della pandemia, hanno vomitato violenti attacchi personali che nulla avevano a che vedere con lo spostamento del monumento. Al di là di ogni considerazione, vedendo ormai il completamento della fontana
giunto al termine, si è sempre più convinti della bontà dell’operazione sotto il profilo architettonico e culturale, con ciò confermando l’autorevole parere espresso da storici locali, storici dell’arte, associazioni e urbanisti nel corso degli anni».

Nessun ripensamento, insomma. «Siamo assolutamente certi che, come già accaduto per Piazza Pergolesi, questo intervento urbanistico contribuirà a qualificare ulteriormente sia Piazza della Repubblica che torna protagonista come spazio aggregativo della città, sia Piazza Federico II destinata a diventare un teatro all’aperto dove organizzare eventi, spettacoli e manifestazioni di grande richiamo».