Jesi, a fine settembre il bando per gli addetti ai musei

Il Comune intende far fronte ad alcuni pensionamenti già avvenuti e imminenti fra Pinacoteca e Biblioteca planettiana. Svariate le telefonate arrivate in Comune per richiedere informazioni

Gli affreschi della Galleria degli Stucchi di Palazzo Pianetti
Gli affreschi della Galleria degli Stucchi di Palazzo Pianetti

JESI – Sarà pubblicato nella seconda metà di settembre il bando per assumere tre nuovi addetti ai musei civici della città. Prima infatti dovrà essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale e si avranno trenta giorni di tempo per inviare le candidature. Svariate le telefonate ricevute dall’ufficio personale del Comune per avere informazioni in merito.

L’amministrazione punta ad assumere le tre nuove figure professionali entro l’anno, ma è molto probabile che bisognerà attendere la fine dell’inverno per l’esito delle prove scritte e orali. Relativamente ai requisiti, viene richiesto il diploma di scuola superiore e la conoscenza approfondita di almeno due lingue straniere (probabilmente l’inglese e una a scelta fra tedesco e francese).

Le principali attività richieste per i posti in questione sono:
– Supportare il Responsabile dell’Ufficio nell’attuazione degli obiettivi e delle attività rispetto alla pianificazione prevista;
– Istruire, predisporre e redigere atti e documenti su indicazioni del Responsabile dell’Ufficio riferiti all’attività amministrativa dell’ente;
– Supportare il Responsabile dell’Ufficio Musei Cultura Turismo nelle attività di cura, gestionee valorizzazione dei Musei Civici e dell’Ufficio Turismo – IAT (Informazione e Accoglienza Turistica);
– Svolgere attività di accoglienza e informazione al pubblico anche in lingua straniera all’interno dei Musei Civici e dell’Ufficio Turismo-IAT;

«Abbiamo ricevuto diverse telefonate in questi giorni  per avere informazioni – conferma l’assessore alla cultura, Luca Butini -. Queste assunzioni sono previste dai piani riguardanti il potenziamento del personale e andranno a coprire alcuni pensionamenti già avvenuti o imminenti».

I vincitori, da assegnare appunto al settore Cultura e Turismo, saranno assunti con profilo professionale di “Istruttore Area Culturale”, categoria C, con rapporto di lavoro part-time: un’unità a 24 ore settimanali, e le altre due a 18 ore settimanali.