Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, dopo 37 anni torna il Giro d’Italia. La Fondazione Scarponi: «Un abbraccio per i 5 anni dalla morte di Michele»

Il sindaco Bacci: «Un grande evento popolare per uno sport che unisce il nostro paese». Nella tappa mista marchigiana, il Giro passerà anche da Civitanova Alta, Sant’Ignazio di Montelupone, Recanati, Filottrano, Santa Maria Nuova e Monsano

Giro d'Italia ad Osimo (Foto di Graziano Duca)
Immagine di repertorio. Giro d'Italia ad Osimo (Foto di Graziano Duca)

JESI- Grande ritorno, il prossimo anno, per il Giro d’Italia a Jesi. A darne notizia questa mattina – 9 novembre – il sindaco di Jesi Massimo Bacci: «Ci è appena stata confermata una bellissima notizia: il prossimo Giro d’Italia di ciclismo farà tappa a Jesi. Dopo 37 anni la nostra città tornerà di nuovo ad accogliere la carovana rosa nella tappa che partirà da Pescara e raggiungerà Jesi. Un grande evento popolare per uno sport che unisce il nostro paese, con un ritorno di immagine straordinario. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a questo eccezionale risultato ed un primo pensiero all’indimenticabile Michele Scarponi che queste strade le ha percorse in lungo ed in largo. Ora subito al lavoro per la migliore organizzazione possibile».

Il passaggio si inserisce al termine della tappa mista che parte da Pescara: con la prima parte pianeggiante e costiera e la seconda ondulata lungo i Muri della zona di Jesi. Dopo Civitanova Marche, infatti, non ci sono evidenti tratti di riposo. Si scalano Civitanova Alta, Sant’Ignazio di Montelupone, Recanati, Filottrano, Santa Maria Nuova e Monsano. Tutte salite impegnative, con alcuni tratti molto ripidi, che porteranno a Jesi un gruppetto selezionato per lo sprint finale.

Entusiasta la Fondazione michele Scarponi che sui social commenta: «La tappa del 17 maggio del Giro d’Italia 2022 partirà da Pescara e terminerà a Jesi, passando per Filottrano! Il prossimo anno saranno 5 anni dalla morte di Michele e il Giro ha deciso di venire ad abbracciare due città fondamentali per la nostra Aquila come Jesi e Filottrano».