Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, demolizione del vecchio ospedale al via dopo l’Epifania

L'Asur sta predisponendo l'abbattimento della struttura di viale della Vittoria, che potrebbe andare in scena già entro gennaio, e il Comune vieta l'utilizzo del parcheggio interno

La sede del vecchio ospedale di viale della Vittoria
La sede del vecchio ospedale di viale della Vittoria

JESI – Divieto di sosta nel parcheggio interno al vecchio ospedale di viale della Vittoria. Dal prossimo 7 gennaio 2021, scatta l’interdizione in vista dell’imminente demolizione del complesso da parte dell’Asur Marche. La convezione fra Comune e azienda sanitaria sarebbe scaduta alla fine del mese, ma si è deciso di anticiparne la revoca in quanto i lavori di abbattimento potrebbero essere affidati subito dopo l’Epifania.

Già assegnati i lavori a un raggruppamento temporaneo di impresa che coinvolge un soggetto locale – la Mariotti Costruzioni di Serra de’ Conti – e la romana Edil Moter. Con il ribasso in fase di gara, l’intervento è stato aggiudicato per un importo di poco più di 755 mila euro. Compartecipano alla spesa l’Asur e, in proporzione al suo 12,10% di proprietà di immobile e area, il Comune di Jesi. Tempo utile per l’esecuzione stimato in 270 giorni. L’intervento riguarda, appunto, la «demolizione eseguita con mezzi meccanici della parte dell’ex ospedale prospiciente il viale della Vittoria, inclusa la palazzina dell’ex obitorio».

L’oggetto dell’appalto comprende opere di bonifica, abbattimento controllato dei fabbricati, sistemazione delle aree e il ripristino di una porzione del retro del fabbricato storico attestato su Corso Matteotti, che verrà eseguito dopo l’abbattimento del corpo che collega il vecchio Fatebenefratelli, vincolato dalla Soprintendenza, con l’edificio oggetto dei lavori. Già svolte le operazioni propedeutiche quali la rimozione di attrezzatture, suppellettili, macchinari dismessi, interventi di bonifica che hanno prevalentemente riguardato l’eliminazione di amianto.

Futuro tutta da decifrare, ovviamente, per l’area. Il vecchio piano di recupero prevedeva appartamenti e uffici, ma difficilmente potrà essere attuato, considerando la situazione del mercato immobiliare. Di sicuro, ci sarà un bel parcheggio a servizio del centro storico.