Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, controlli super green pass sul bus: nigeriano dà in escandescenze e aggredisce i poliziotti

Gli agenti hanno proceduto alla verifica sugli occupanti di un mezzo di linea Jesi-Ancona. Un passeggero, tra gli altri risultati tutti in regola, ha opposto resistenza alla esibizione della certificazione e tentato poi la fuga

La Polizia a Porta Valle a Jesi

JESI – Controlli anti-Covid e della certificazione verde super green pass anche sui mezzi di trasporto. Ieri pomeriggio 10 gennaio verso le 15, una volante del Commissariato di Jesi ha eseguito alcuni controlli – intensificati nelle ultime settimane – presso Piazzale Partigiani e a Porta Valle. Sotto la lente di ingrandimento, la Stazione delle Autocorriere. Gli agenti hanno proceduto al controllo degli occupanti di un autobus di linea Jesi-Ancona per la verifica del possesso del “super green pass”, obbligatorio su tutti i mezzi di trasporto pubblici proprio da ieri, 10 gennaio. Un passeggero, tra gli altri risultati tutti in regola, ha opposto resistenza alla esibizione della certificazione richiesta: quindi ha mostrato agli Agenti un foglio di incerta provenienza, non utile al fine della esibizione della certificazione obbligatoria.

Dovendo accelerare le operazioni di verifica, in quanto l’autobus aveva necessità di partire e rispettare gli orari della corsa, gli agenti hanno quindi invitato il passeggero a scendere insieme a loro e continuare l’accertamento. Il passeggero, a quel punto, ha iniziato ad urlare inveendo verso gli operanti. Ha detto di non avere alcuna intenzione di scendere.

A nulla sono valsi i ripetuti inviti alla calma: di fronte alla determinazione degli agenti, il giovane passeggero, allo scopo di sottrarsi alla legittima richiesta, li ha spintonati energicamente, anche scalciando, per guadagnare una via di fuga. L’azione violenta è stata comunque contenuta e il giovane condotto presso il Commissariato di Jesi. Qui è stato identificato.

Si tratta di un 23enne (I.O. le sue iniziali), cittadino nigeriano, in regola con il permesso di soggiorno, operaio, con piccoli trascorsi giudiziari. Accertato essere sprovvisto del “super green pass”, gli è stata contestata la specifica violazione amministrativa che prevede il pagamento di una sanzione da euro 533 a mille euro. L’azione violenta esercitata nei confronti degli agenti è stata denunciata alla Autorità Giudiziaria: il 23enne deve rispondere del reato di resistenza a pubblico ufficiale. Uno dei due agenti ha riportato delle lesioni ad una gamba, giudicate guaribili dal pronto soccorso dell’Ospedale di Jesi in 19 giorni. L’esito del processo giudiziario che si instaurerà a seguito del fatto, potrà risultare pregiudizievole al suo autore in relazione al titolo di soggiorno sul territorio nazionale posseduto, trattandosi di un reato di violenza.